Cambia lingua

Essere Animali ha documentato scrofe in gabbie
anguste e maiali sottoposti a dolorose mutilazioni.
Con il tuo aiuto vogliamo che i supermercati italiani si impegnino a eliminare queste crudeli pratiche.

Firma la petizione su change.org
147550 hanno già firmato
Guarda il video
dell'indagine

In Italia 9 milioni di maiali sono mutilati della coda e, se maschi, castrati senza anestesia né analgesia. Durante la gestazione e il parto 500 mila scrofe sono rinchiuse in gabbie così piccole da impedire loro qualsiasi movimento. Queste pratiche causano estrema sofferenza ad animali intelligenti e sensibili e, nel caso del taglio della coda, sono per giunta illegali, ma il problema è così diffuso e strutturale che coinvolge la quasi totalità degli allevamenti (anche DOP).

Con la campagna #SOSpig vogliamo porre fine con urgenza a queste crudeltà e, per farlo, dobbiamo fare pressione sui supermercati, che oggi detengono la quota principale del mercato. La grande distribuzione organizzata deve tenere conto delle richieste delle persone in quanto consumatori e prendere una posizione contro queste terribili procedure, vincolando gli allevamenti fornitori a superare l’uso delle gabbie e le mutilazioni. Il nostro potere di negoziazione è enorme. Se saremo in tanti a chiederlo dovranno ascoltarci.

Essere Animali esiste per contribuire a costruire una società senza violenze sugli animali. Eliminare nel più breve tempo possibile queste pratiche è un passo necessario di questo percorso.

Una vita in gabbia

Le scrofe negli allevamenti trascorrono più di un terzo della loro vita in gabbia, costrette a incessanti cicli di riproduzione.

Gabbie di gestazione

Durante la fase di gestazione, le scrofe vengono rinchiuse all’interno di gabbie individuali così strette da impedire loro persino di girarsi. Lo sfregamento continuo contro le sbarre provoca ferite a rischio di infezione. Apatia e frustrazione sono conseguenze dello stress psicologico a cui sono sottoposte.

 

Gabbie parto

Al momento del parto e durante lo svezzamento, le scrofe sono confinate in gabbie individuali dove, in assenza di spazio e arricchimenti ambientali, non riescono a costruire il nido e accudire i propri piccoli. Il rischio di schiacciare i suinetti è alto poiché, impossibilitate a muoversi, non riescono a scansarli prima di coricarsi.

Il ciclo di vita di una scrofa

Mutilazioni

Taglio della coda e castrazione chirurgica senza anestesia sono operazioni dolorose praticate con regolarità a maiali di appena pochi giorni di vita.

Immagini forti clicca per guardare

Castrazione

Effettuata sui suinetti maschi per prevenire un gusto sgradevole nella carne, in Italia viene eseguita di routine senza anestesia né analgesia, obbligatorie per legge solo su maiali con più di sette giorni di vita quando l’intervento deve essere eseguito da un veterinario. Ma i nostri investigatori hanno filmato più volte castrazioni illegali.

Taglio della coda

La mutilazione sistematica della coda è una procedura illegale in Europa da oltre 20 anni. È stato dimostrato che non riduce il cannibalismo, un fenomeno che andrebbe limitato fornendo agli animali i necessari arricchimenti ambientali. Tuttavia in Italia viene effettuata sul 98% dei maiali allevati.

CHIEDI AI SUPERMERCATI DI PRENDERE POSIZIONE

Firma anche tu su change.org
147550 hanno già firmato

Lo sapevi che

Madri premurose
Poco prima di partorire la scrofa costruisce il proprio nido con cura per creare un ambiente accogliente e sicuro per i suoi cuccioli.

Forti legami affettivi
Le femmine tendono a vivere in piccoli gruppi stabili formati da 2 a 6 individui stringendo forti legami.

Puliti
Sono animali molto puliti, non sporcano mai dove dormono.

Intelligenti
Hanno notevoli doti cognitive, la loro intelligenza è superiore a quella di un bambino di tre anni.

ATTIVATI!

Le tue azioni sono fondamentali per fermare queste crudeltà

IL CAMBIAMENTO IN TAVOLA

Scopri la cucina
a base vegetale

Mostriamo al mondo la realtà, aiutaci!

Grazie al nostro Team Investigativo milioni di persone scoprono gli abusi e le crudeltà negli allevamenti e macelli. Un lavoro che salva gli animali e ha bisogno del tuo sostegno.

Dona ora

Voglio unirmi ai milioni di persone contrarie
al maltrattamento degli animali

Rimani aggiornato sulle nostre campagne per dare il tuo apporto in difesa degli animali
Questo campo è obbligatorio!
Inserire almeno %s caratteri!
Non inserire più di %s caratteri!
Inserisci una data valida!
Inserisci un numero di telefono valido!
Inserisci un CAP valido!
Inserisci un codice fiscale valido!
Inserisci una partita IVA valida!
Devi accettare la normativa sulla privacy!
Si è verificato un errore! Ricontrolla i campi.
Utilizza un Nickname valido!
Password non valida!
• almeno 1 carattere speciale (-_@#$%)
• almeno 1 numero
• almeno 1 carattere maiuscolo
• almeno 1 carattere minuscolo
• lunga almeno 6 caratteri
• più corta di 20 caratteri
Le due password inserite non coincidono!
Non valida!
Non valida!
Ok!
Controlla l'email!
Utente non attivato! Clicca nel link di conferma che ti è stato inviato via email!
Mmm... sicuro di quello che fai?
Sei già nella newsletter di Essere Animali!
Si è verificato un errore!

Grazie per esserti iscritto!

Riceverai presto nostri aggiornamenti.
Ora coinvolgi altre persone condividendo la pagina!

FIRMA ORA!
Chiudi

Fermiamo questa sofferenza
SOS PIG - FIRMA ANCHE TU

Firma ora

Fai una donazione
in difesa degli animali

Se hai dubbi o problemi nella donazione scrivici.

Questo campo è obbligatorio!
Inserire almeno %s caratteri!
Non inserire più di %s caratteri!
Inserisci una data valida!
Inserisci un numero di telefono valido!
Inserisci un CAP valido!
Inserisci un codice fiscale valido!
Inserisci una partita IVA valida!
Devi accettare la normativa sulla privacy!
Si è verificato un errore! Ricontrolla i campi.
Utilizza un Nickname valido!
Password non valida!
• almeno 1 carattere speciale (-_@#$%)
• almeno 1 numero
• almeno 1 carattere maiuscolo
• almeno 1 carattere minuscolo
• lunga almeno 6 caratteri
• più corta di 20 caratteri
Le due password inserite non coincidono!
Non valida!
Non valida!
Ok!
Controlla l'email!
Utente non attivato! Clicca nel link di conferma che ti è stato inviato via email!
Mmm... sicuro di quello che fai?
Sei già nella newsletter di Essere Animali!
Si è verificato un errore!