Un atto di civiltà per tutti i cani – Sit-in! a Bologna


La legge Regionale 3/2013 ha reso l’Emilia Romagna la prima regione in Italia ad abolire l’uso della catena per i cani, ma senza un Regolamento che si dimostri attento alle loro esigenze fisiologiche ed etologiche, rischia di essere vanificata!

Quello che chiediamo?

Un atto di civiltà, ovvero l’approvazione del Regolamento suggerito dal Comitato Provinciale di Bologna, pienamente condiviso dalle associazioni animaliste, che garantisce dimensioni minime dei recinti come quelle già previste per i canili. Ciò è fondamentale per migliorare le condizioni di tantissimi cani, ancora oggi detenuti in spazi angusti e troppo piccoli.

Le motivazioni di questo Sit-in:

→ denunciare gli imbrogli con cui la Regione ha tentato di far approvare un testo che avrebbe consentito di rinchiudere cani in recinti-gabbia, incurante della sofferenza che tale Regolamento avrebbe causato se questa manovra non fosse stata sventata dalle associazioni animaliste, che partecipano alla stesura del testo con proprie osservazioni attraverso i Comitati Provinciali

→ oltrepassare il muro di silenzio, nonostante gli scioperi della fame prima dell’attivista Davide Battistini e ora di Lilia Casali dell’associazione Animal Liberation; silenzio che dimostra chiaramente come la Regione non voglia confrontarsi con un sempre più ampio movimento animalista

Partecipa portando anche il tuo cane. Il sit-in è stato organizzato in modo tale che la presenza dei nostri amici a 4 zampe sarà preziosa per la buona riuscita della protesta contribuendo in maniera significativa per ottenere maggiore visibilità.

Unisciti a noi per chiedere questo atto di civiltà.