SHOCKING IMAGES
OF EGG PRODUCTION

An undercover investigation by Essere Animali documents distressing violence to chickens and consumer scams at a major company in Emilia Romagna. Its customers include the brands Le Naturelle/Eurovo and Sabbatani.

Firma la petizione
Watch the video

An undercover investigator of Essere Animali worked in different farms of a big company in the Emilia Romagna region. With his hidden camera he filmed callous violence on animals and a food fraud.

We filed charges against this farm, which supplies famous brands sold in supermarket.

The dramatic part of the footage is not just workers’ violence, also the crammed sitations hens live in are shocking.

You can see what our investigator witnessed in two different videos, one in the caged hens farm and the other in their cage-free sheds. Almost all eggs sold in Italy, or used for bakery and sweets, come from these two farming systems.

As consumers we are not just part of this problem, we can be part of the solution.
Information can lead us to make more compassionate food choices.

WHAT WE DOCUMENTED IN THEIR CAGE-FREE FARMS

UNPRECEDENTED VIOLENCE

One hen was grabbed by the legs and used to hit others.

Abuse

During loading and transport, hens are thrown, kicked and crammed into cages. They suffer these brutalities several times, when they are moved from one shed to another for logistical reasons and when they are sent, still very young, to the slaughterhouse.

SLOW AGONY

Many hens cannot cope with the abuse and intensive breeding conditions; they get sick but receive no treatment. They die of starvation inside the shed or are inexpertly and cruelly killed by the workers.

OVERCROWDING

“Barn” eggs come from sheds filled with thousands of hens who will never see grass or sunlight. Even maintaining the statutory density of 9 hens per square metre, overcrowding is rife and pushes the hens into feather pecking. As a result of stress, they tear out each other’s feathers or direct their aggression towards themselves.

BAD HYGIENE CONDITIONS

A farm worker was filmed saying that mice eat eggs intended for human consumption and nest right where they are collected before they are sold to consumers.

CONSUMER SCAM

At one of this company’s farms the eggs were marked as organic,
even though the hens did not have access to an outdoor area in which they were free to roam.

We need a reform
of animal protection laws!

SIGN THE PETITION

VIOLENCE AGAINST CAGED HENS

Our investigator worked also in a farm of the same company where hens are kept in cages.

With his hidden camera he filmed abuses of workers and documented what happens in the most common farming system in our country. More than 50% of eggs in Italy are still produced by caged hens.

These animals live crammed in incredibly small spaces, where they do not have enough space to even open their wings.

Watch the undercover video

VIOLENCE DURING TRANSPORT

By law, farm workers should ensure the welfare of animals so as not to cause them unnecessary pain or injury. Chickens should be picked up carefully by the legs and chest, but in this farm they are brutally grabbed and thrown into cages. A treatment that can cause injuries, broken bones and even death.

BRUTAL KILLINGS

After a hasty diagnosis, injured hens are thrown onto piles of corpses while still alive or beaten to death. Although the law permits the emergency killing of a sick animal, it must be carried out by suitably trained people so as not to cause avoidable suffering to the animals. Images from a hidden camera show chickens dying after long minutes of agony.

ENDLESS SUFFERING

More than half of the eggs produced in Italy still come from caged hens. The conditions are so crowded that the hens have their beaks mutilated to prevent them from killing each other due to stress. The lack of natural light and continuous rubbing against the cage cause anaemia, loss of feathers and joint problems. Every day, dozens of hens don’t make it and die inside the farm.

Dead in their own excrement, trapped in conveyor belts or as the vet says, dying of heartbreak. Their bare necks, scratched by the iron bars that hurt them and rip out their feathers every time they look out to eat or breathe. The pain, the voices of those who ask for freedom and to whom no one answers, have left indelible memories. I watch the footage I collected with the volume off, because these voices make me shake like I’m still in there.

Marco our investigator

Egg production in Italy
Total hens reared in Italy 38.9 million
Source: WATT Global media/Ismea 2019
  • 55% Caged hens

  • 34% Cage-free

  • 11% Free range and organic

Average life span of a hen
8 years
1 year and 8 months

in free conditions

in farms

Average annual egg production per hen
285/300 eggs
100 eggs

in farms

in free conditions

Average egg consumption per capita
Source: WATT Global media/Unaitalia 2019
  • 142 eggs direct consumption

  • 66 uova indirect consumption


DID YOU KNOW THAT…

Before birth
The mother hen communicates with her little ones while they are still inside the egg.

Chicks
Once born they recognise their mother, with whom they live in close contact for 6 weeks.

They sleep in trees
To escape predators, they rest on branches according to the hierarchies and relationships established within the group.

They are intelligent
Chickens have cognitive capacities similar to those of various mammals and primates.

TAKE ACTION!

Please act now! It’s essential if we are to stop this cruelty

HELP US TO SHOW THE WORLD WHAT’S REALLY GOING ON!

CHANGE STARTS ON YOUR PLATE

EXPLORE PLANT-BASED DISHES

HELP US TO SHOW THE WORLD WHAT’S REALLY GOING ON!

Thanks to our team of investigators, millions of people are discovering the reality of abuse and cruelty in farms and slaughterhouses. Our work saves animals and needs your support.

Donate now
Close

Take action
RIGHT NOW!

Sign the petition
Per una riforma delle leggi sulla protezione degli animali
Questo campo è obbligatorio!
Inserire almeno %s caratteri!
Non inserire più di %s caratteri!
Inserisci una data valida!
Inserisci un numero di telefono valido!
Inserisci un CAP valido!
Inserisci un codice fiscale valido!
Inserisci una partita IVA valida!
You must agree the privacy policy!
Si è verificato un errore! Ricontrolla i campi.
Utilizza un Nickname valido!
Password non valida!
• almeno 1 carattere speciale (-_@#$%)
• almeno 1 numero
• almeno 1 carattere maiuscolo
• almeno 1 carattere minuscolo
• lunga almeno 6 caratteri
• più corta di 20 caratteri
Le due password inserite non coincidono!
Non valida!
Non valida!
Ok!
Controlla l'email!
Utente non attivato! Clicca nel link di conferma che ti è stato inviato via email!
Mmm... sicuro di quello che fai?
Sei già nella newsletter di Essere Animali!
A generic error has occurred
leggi il testo della petizione
Destinatari

Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte

Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Teresa Bellanova

Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Sergio Costa

Ministero della Salute, Roberto Speranza

Presidente della Camera dei Deputati, Roberto Fico

Presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati

L’organizzazione Essere Animali negli ultimi anni ha diffuso diverse indagini realizzate all’interno di allevamenti intensivi e stabilimenti di macellazione italiani, alcune svolte in collaborazione con importanti organi di informazione internazionali, allo scopo di documentare le condizioni degli animali allevati per l’alimentazione. Durante tali indagini, portate a termine con un capillare lavoro di monitoraggio con telecamere nascoste e infiltrati all’interno degli allevamenti, sono state puntualmente filmate violazioni alla normativa sulla protezione degli animali e alle norme del codice penale.

Le indagini di Essere Animali hanno mostrato:
  • violenze inferte dal personale dell’allevamento durante gli spostamenti degli animali o quando questi oppongono resistenza ai trattamenti, come colpi con tubi di ferro, utilizzo improprio di taser elettrico, sollevamento con muletto delle mucche a terra, calci e lanci degli animali di piccola taglia;
  • mutilazioni effettuate senza l’utilizzo di anestesia e analgesia e senza la presenza di un medico veterinario oltre l’età consentita dalla legge e il taglio sistematico della coda dei suinetti, una pratica illegale ma diffusa in quasi tutti gli allevamenti italiani;
  • animali agonizzanti lasciati morire di stenti o uccisi in modo brutale dagli operai dell’allevamento, senza l’applicazione delle corrette disposizioni sull’abbattimento d’emergenza degli animali malati;
  • uccisioni di gruppo all’interno degli stabilimenti di macellazione, con animali che assistono alla morte dei loro simili e l’utilizzo di pratiche di stordimento inefficaci.
Per questi maltrattamenti sono state presentate diverse denunce alle autorità competenti ma la frequenza di tali episodi, filmati nella quasi totalità delle aziende oggetto d’indagine scelte a campione sul territorio nazionale, anche tra fornitori di prodotti DOP, mi spinge a esprimervi la mia profonda preoccupazione. Accanto a queste violazioni di legge, le indagini di Essere Animali hanno inoltre mostrato tipologie e pratiche di allevamento che, pur essendo ora legali, sono causa di indiscussa sofferenza fisica e psicologica per gli animali, tra cui:
  • utilizzo di gabbie in cui gli animali trascorrono buona parte o tutta la loro vita;
  • elevate densità quando gli animali sono allevati "a terra" o in recinti;
  • castrazione chirurgica dei suinetti e debeccaggio delle galline uccisione tramite macerazione dei pulcini considerati inutili ai fini dell’allevamento;
  • separazione alla nascita delle madri dai cuccioli per la produzione di latte.
Chiedo quindi che sia intrapreso un processo di riforma legislativo che:
  • vieti l’utilizzo, anche parziale, delle gabbie;
  • vieti ogni mutilazione così come l’uccisione dei pulcini maschi, perfettamente sani ma considerati non produttivi dall’industria zootecnica;
  • metta fine ai sussidi pubblici al settore zootecnico;
  • porti all’inasprimento delle pene per il maltrattamento degli animali e per le altre violazioni delle normative di protezione, prevedendo nei casi più gravi la revoca delle autorizzazioni e l’interdizione dall’attività;
  • instauri un sistema di controllo negli allevamenti, durante il trasporto e nelle fasi di macellazione assolutamente più efficace di quello adottato sinora;
  • riformuli le densità di allevamento, concedendo agli animali più spazio per muoversi, anche all’aperto, e con la presenza di arricchimenti ambientali;
  • preveda sistemi di allevamento che permettano agli animali di soddisfare i propri bisogni etologici in funzione dell’età e della specie, in concerto con le organizzazioni per i Diritti Animali.
Grazie, la tua firma è importante
Ora condividi questa petizione per rendere ancora più efficace la tua partecipazione.

Per una riforma delle leggi sulla protezione degli animali

Questo campo è obbligatorio!
Inserire almeno %s caratteri!
Non inserire più di %s caratteri!
Inserisci una data valida!
Inserisci un numero di telefono valido!
Inserisci un CAP valido!
Inserisci un codice fiscale valido!
Inserisci una partita IVA valida!
You must agree the privacy policy!
Si è verificato un errore! Ricontrolla i campi.
Utilizza un Nickname valido!
Password non valida!
• almeno 1 carattere speciale (-_@#$%)
• almeno 1 numero
• almeno 1 carattere maiuscolo
• almeno 1 carattere minuscolo
• lunga almeno 6 caratteri
• più corta di 20 caratteri
Le due password inserite non coincidono!
Non valida!
Non valida!
Ok!
Controlla l'email!
Utente non attivato! Clicca nel link di conferma che ti è stato inviato via email!
Mmm... sicuro di quello che fai?
Sei già nella newsletter di Essere Animali!
A generic error has occurred