Chiudiamo l’allevamento di maiali di Santa Cristina e Bissone (PV)

Da più di un anno il nostro team investigativo sta monitorando questa struttura in seguito a diverse segnalazioni arrivate dai cittadini che vivono nel Comune di Santa Cristina e Bissone (PV). L’odore che sprigiona l’allevamento è così forte che gli abitanti chiedono provvedimenti da più di dieci anni, senza di fatto ottenere nulla dalle istituzioni. Durante i nostri controlli abbiamo documentato animali che vivono immersi nelle loro feci in condizioni igieniche preoccupanti, ma anche la presunta presenza di eternit e di scarichi abusivi.

Scriviamo subito al Sindaco Elio Grossi per chiedere di prendere al più presto provvedimenti e di chiudere la struttura. Clicca sul bottone e invia automaticamente la mail.

INVIA LA MAIL

Se l’invio automatico non funziona sul tuo dispositivo, puoi inviare la mail manualmente copiando e incollando il testo seguente.
Destinatari
a: ufficiosegreteria@comune.santacristinaebissone.pv.it
cc: campagne@essereanimali.org

Oggetto:
chiudere l’allevamento di maiali

– Testo:
All’attenzione del Sindaco di Santa Cristina e Bissone, Elio Grossi.
Le scrivo per unirmi alla richiesta di Essere Animali che ritiene necessaria la chiusura dell’allevamento di maiali situato a Santa Cristina e Bissone:

In seguito alle numerose ispezioni del team investigativo dell’organizzazione, effettuate dopo diverse segnalazioni inviate da privati cittadini, sono state riscontrate nell’allevamento ripetute illegalità e incurie nei confronti degli animali e dell’ambiente. Le problematiche documentate sono molteplici: carcasse di maiali abbandonate a cielo aperto, sversamento di liquami e animali costretti a vivere costretti a vivere in mezzo ai propri escrementi.

I problemi dei capannoni sono strutturali e le possibilità di un concreto intervento per recuperare un allevamento così grande e fatiscente sono pressoché nulle. Infatti, oltre all’odore nauseabondo, che i cittadini lamentano di segnalare alle autorità da circa 10 anni, nell’allevamento è presumibilmente presente una cospicua quantità di eternit, utilizzato per i tetti dei capannoni. Il materiale è visibilmente in pessime condizioni, con molte parti sbriciolate, una situazione che potrebbe rappresentare un chiaro rischio sanitario.

Attorno all’azienda sono presenti case dove abitano famiglie il cui standard di vita è notevolmente peggiorato. Costoro ricevono da anni promesse d’intervento da parte dell’amministrazione comunale, ma il problema puntualmente si ripresenta.

È ora di ascoltare la voce dei cittadini e prendere un provvedimento urgente per chiudere l’attività.


Fai una donazione
per difendere gli animali

Per:

Se hai dubbi o problemi nella donazione scrivici.

Questo campo è obbligatorio!
Inserire almeno %s caratteri!
Non inserire più di %s caratteri!
Inserisci una data valida!
Inserisci un numero di telefono valido!
Inserisci un CAP valido!
Inserisci un codice fiscale valido!
Inserisci una partita IVA valida!
Devi accettare la normativa sulla privacy!
Si è verificato un errore! Ricontrolla i campi.
Utilizza un Nickname valido!
Password non valida!
• almeno 1 carattere speciale (-_@#$%)
• almeno 1 numero
• almeno 1 carattere maiuscolo
• almeno 1 carattere minuscolo
• lunga almeno 6 caratteri
• più corta di 20 caratteri
Le due password inserite non coincidono!
Non valida!
Non valida!
Ok!
Controlla l'email!
Utente non attivato! Clicca nel link di conferma che ti è stato inviato via email!
Mmm... sicuro di quello che fai?
Sei già nella newsletter di Essere Animali!
Si è verificato un errore!

CON IL 5×1000
IL SUO FUTURO LO SCEGLI TU

DONA IL 5×1000
A ESSERE ANIMALI

Sostienici a costo zero. Usa il codice fiscale:
976 762 00 153

Scopri come
Chiudi