Elezioni europee, il nostro sondaggio: la tutela degli animali sta a cuore a quasi tutti gli italiani


Chiara Caprio
Responsabile relazioni istituzionali

Un nuovo sondaggio realizzato per la campagna Vote for Animals mostra che per l’85% degli italiani la politica dovrebbe fare di più per gli animali e che il 57% degli elettori preferisce votare per candidati/e che hanno a cuore la tutela degli animali. 

Si avvicinano le elezioni europee di giugno e il tema dei sondaggi è sempre più rilevante per capire come si muovono gli elettori e le elettrici italiane. Proprio per questo abbiamo commissionato a Youtrend/Quorum un sondaggio che dimostra come la schiacciante maggioranza degli italiani e delle italiane voglia maggiori tutele per tutti gli animali, inclusi quelli negli allevamenti. 

I dati del sondaggio 

L’85% degli elettori italiani si dichiara interessato alla tutela degli animali, con picchi dell’88% tra gli elettori di Fratelli d’Italia, del 90% tra gli elettori di PD e del 91% Movimento 5 Stelle.

Tra chi si dimostra concretamente interessato alle varie tematiche che riguardano la tutela degli animali, quasi uno su cinque (18%) alle Europee vorrebbe esprimere una preferenza per un candidato che metta espressamente al centro del suo programma questo tema. 

Molti elettori di questo tipo si trovano davanti una politica che non sembra soddisfare le loro esigenze: l’83% di loro, infatti, è d’accordo con l’affermazione “i partiti non rappresentano la mia sensibilità verso gli animali”.

Gli italiani e le italiane che hanno a cuore la salvaguardia degli animali sono una maggioranza schiacciante all’interno di tutti i segmenti demografici: uomini e donne, giovani e anziani, elettori di destra, di centro e di sinistra.

In tema di preferenze gli elettori che hanno espresso un interesse per la difesa degli animali performano ancora meglio della media nazionale (54%), con un 24% che afferma che sicuramente esprime una preferenza e un 36% che probabilmente lo farà, per un totale di 60%. 

Gli elettori chiedono più tutele per tutti gli animali

Sui temi specifici gli italiani chiedono maggiori tutele, senza distinzioni tra animali. Il 76% di tutti gli elettori vuole l’eliminazione di pratiche crudeli negli allevamenti, mentre il 63% vuole restrizioni anche a livello UE sulla produzione e commercializzazione di pellicce.

Una netta maggioranza chiede standard minimi chiari per tracciabilità, allevamento e cessione di cani e gatti e il 70% vuole maggiori protezioni per la fauna selvatica. 

“I dati che abbiamo rilevato parlano chiaro. Gli italiani sono un popolo che ama gli animali e ha a cuore il tema della loro tutela” afferma Salvatore Borghese, cofondatore e senior analyst di Quorum/YouTrend. “A differenza di molti altri temi che indaghiamo regolarmente, quando si parla di tutela degli animali, in tutte le sue declinazioni, riscontriamo una condivisione elevatissima, che va oltre le differenze anagrafiche e politiche. È sicuramente un tema difficile da ignorare per chi fa politica e deve rappresentare – e intercettare – il consenso degli elettori”. 

Con la campagna Vote for Animals in Italia diamo voce a milioni di italiani e italiane che chiedono di più per gli animali e che si aspettano candidati e candidate che faranno la propria parte anche in Europa.

Le elezioni europee di giugno sono un’opportunità unica per tutti i partiti italiani per mostrare al proprio elettorato che lavoreranno anche in questa direzione, prendendo impegni concreti come quelli proposti dalla nostra coalizione.

Chiediamo a tutti i partiti, candidati e candidate di aderire ai nostri 10 punti programmatici e di lavorare in Europa per un mondo con più diritti per tutti gli animali, per l’ambiente e per la nostra salute secondo il principio One Health.


Le organizzazioni coordinatrici di Vote for Animals in Italia sono Animal Law Italia, CIWF Italia, Essere Animali e LAV. Aderiscono Animal Equality Italia, Animalisti Italiani, ENPA, LAC, Leidaa, LNDC – Animal Protection, Save the Dogs.


Nota metodologica:
Sondaggio svolto con metodologia CATI, CAMI e CAWI tra il 4 e il 9 Aprile 2024 su un campione di 1500 intervistati rappresentativi della popolazione maggiorenne residente in Italia, indagati per quote di genere ed età incrociate, stratificate per titolo di studio. Il margine d’errore è del +/- 2,5% con un intervallo di confidenza del 95%.