Il legame tra sprechi alimentari e allevamenti: tutti i dati

animali in un secchio dell'immondizia
© Adobe Stock

Stai leggendo:

Il legame tra sprechi alimentari e allevamenti: tutti i dati


Ti interessa l'articolo?

Iscriviti

Lorenzo Bertolesi
Digital copywriter

Secondo diversi report lo spreco alimentare collegato all’allevamento e alla produzione di carne è ogni anno altissimo. Un enorme problema etico e ambientale.

Lo sappiamo, gli allevamenti intensivi hanno un enorme impatto ambientale. Ma quello che forse non viene considerato è quanto la produzione di carne e derivati causi lo spreco alimentare.

Lo spreco alimentare è una delle cose più assurde che facciamo noi esseri umani. Spendiamo energia e lavoro, inquiniamo e bruciamo risorse naturali per poi produrre qualcosa che…scartiamo. Purtroppo però questo avviene ogni giorno anche per gli animali negli allevamenti — e da assurdo, questo spreco diventa una delle cose più crudeli perché quello che gettiamo tra i rifiuti erano esseri viventi.

Spreco alimentare e carne: 18 miliardi di animali macellati e buttati

Secondo uno studio condotto dall’Università di Leiden nei Paesi Bassi la produzione di carne e derivati ha un costo di circa 18 miliardi di animali. Parliamo di polli, tacchini, maiali, pecore, capre e mucche che vengono uccisi (oppure muoiono durante la vita negli allevamenti) per poi essere buttati. Questo calcolo non considera i pesci.

Stiamo parlando di circa 52 milioni di tonnellate di carne che vengono “sprecati”, ben un sesto di tutta la carne prodotta a livello globale. Ciò significa che alleviamo animali in condizioni terribili e li macelliamo solo per buttarli via.

Secondo lo studio sono diverse sono le motivazioni di questo fenomeno: dalla morte degli animali durante l’allevamento per varie cause, al deterioramento della carne durante lo stoccaggio o il trasporto. Infine, soprattutto nei Paesi con un alto consumo di prodotti animali, c’è lo spreco nei consumi. Ristoranti, supermercati e persone che gettano carne nei rifiuti a causa di porzioni eccessive, acquisti oltre i bisogni e così via.

Lo spreco prima del consumo: il report del WWF

Quando si parla di spreco alimentare poca importanza viene data a quello che si registra prima che i prodotti vengano messi in vendita, vale a dire quando si trovano ancora nell’azienda agricola o nell’allevamento. Eppure è qui che si concentrano le perdite maggiori. 

Secondo The global impact of food loss and waste on farms, un report del WWF fatto nel 2021, in Europa e Nord America lo spreco di cibo nelle aziende agricole e negli allevamenti superano di gran lunga quello che avviene in casa. Andando più nello specifico: 1,2 miliardi di tonnellate di cibo viene sprecato prima di lasciare l’azienda, contro le 931 milioni di tonnellate sprecate dalla vendita al dettaglio, dai servizi di ristorazione e dalle famiglie. Quantità sufficienti per sfamare ben quattro volte tutte le 870 milioni di persone denutrite nel mondo.

Il volume e il valore dello spreco globale di cibo.
© WWF

Impronta carbonica, idrica e altre problematiche causate dagli sprechi

L’impronta carbonica complessiva degli sprechi alimentari nella fase agricola è di 2.2 gigatonnellate di CO2: circa il 4% di tutte le emissioni di gas serra antropiche (GHG) e il 16% delle emissioni agricole. Questo equivale alle emissioni del 75% di tutte le auto guidate negli Stati Uniti e in Europa in un anno.

Come spiega lo studio del WWF, l’allevamento e l’agricoltura, inclusa quindi anche la produzione di mangime destinato agli allevamenti intensivi, sono responsabili del 30% di tutte le emissioni di gas serra di origine antropica e dell’80% della deforestazione. La produzione alimentare comporta il disboscamento di vaste aree di terreno, contribuendo alla perdita di biodiversità, all’estinzione di specie animali e al degrado del suolo. Attualmente il suolo fertile viene perso fino a cento volte più velocemente di quanto non venga prodotto, e questo fa diminuire i raccolti, aumentando la pressione per convertire più terra in terreni agricoli. 

La carne e i prodotti animali hanno un’impronta idrica molto elevata che deriva dalle colture destinate agli animali e dall’acqua che gli animali devono bere durante la loro vita. Lo spreco di fonti idriche dipende soprattutto dal latte, che costituisce oltre l’80% del totale delle perdite dovute a carne e prodotti animali. Quasi l’80% dello spreco di latte ha luogo nel sud e sud-est asiatico e l’8% in Europa. La carne suina costituisce l’8% del totale, di cui circa la metà proviene dall’Asia industrializzata.

Il caso del pollo broiler

Ma in cosa consistono questi sprechi nello specifico? Un esempio è l’alta mortalità degli animali all’interno degli stabilimenti dovuta alle condizioni di vita, ma anche alla genetica stessa degli animali. Facciamo l’esempio del pollo.

Nella storia recente abbiamo visto un enorme aumento del consumo di pollo a livello globale. Per far fronte a questa domanda si è iniziato ad allevare il pollo “broiler”, un ibrido il cui tasso di crescita è superiore del 400% rispetto al suo predecessore allevato negli anni ‘50. Questo animale è stato ibridato per avere un petto enorme, anche se questo comporta gravi problemi di salute, come l’incapacità di reggersi sulle zampe, che spesso ne causano la morte.

Anche i bassi standard di vita degli animali, gli incidenti, i guasti alle apparecchiature e i problemi di benessere, le condizioni di trasporto contribuiscono alla loro morte e, usando le parole del report, a “sprechi ingenti”. Ma non solo, anche i focolai di malattie, come l’influenza aviaria, hanno causato negli anni livelli catastrofici di avicoli morti negli allevamenti.

Inoltre, anche il mangime di per sé può essere considerato uno spreco, perché quello stesso cibo è molto spesso adatto al consumo umano: parliamo di soia, avena, mais che potrebbero essere consumati direttamente dalle persone. L’industria del pollo è quella che consuma più mangimi vegetali in Asia, Europa e Nord America: nel 2009 ne ha consumato il 41,5% a livello globale.

pollo negli allevamenti
A causa della loro genetica, i polli broiler sono soggetti a deformazioni e difficoltà nei movimenti, malattie cardiovascolari e respiratorie, anemie e difese immunitarie deboli.
© Essere Animali

Per il bene di tutti: bisogna cambiare

Il benessere degli animali non è solo una questione etica, è anche una necessità ambientale. Difatti la produzione animale ha un enorme impatto anche sul Pianeta: la distruzione degli habitat — dovuta ad esempio alla produzione di soia come mangime o alla conversione di foreste in pascoli —, la persecuzione dei predatori degli animali allevati, il degrado dell’ambiente dovuto al pascolo eccessivo, nonché l’inquinamento derivante sia direttamente dagli animali che quello dovuto alla cattiva gestione del letame, sono tutti elementi che rappresentano un’ulteriore minaccia alla biodiversità. 

Quando il cibo viene sprecato, lo sono anche tutte le emissioni associate alla produzione agricola, la crescita delle colture o degli animali, la raccolta e la lavorazione — senza parlare del suo smaltimento, che provoca emissioni aggiuntive.

È ora di cambiare il nostro sistema alimentare, basato sulla sofferenza degli animali e che parte agente nella distruzione del Pianeta. Togli la crudeltà dal tuo piatto, scegli un’alimentazione vegetale.

È necessario rivedere la nostra alimentazione per tutelare e salvaguardare gli animali e per mettere al sicuro la salute globale. Scopri come farlo al meglio!

Ti piace questo articolo?

Supporta Essere Animali con una piccola donazione

163 persone hanno donato €2. Tanti piccoli aiuti possono fare la differenza.

Dona 2€
al mese

Fai ancora di più

Grazie!
Con te siamo a
0 firme

Salta questo step

Fai una microdonazione a Essere Animali

Per:

Con una donazione di 2€ al mese puoi fare tanto

Se hai dubbi o problemi nella donazione scrivici.

Questo campo è obbligatorio!
Inserire almeno %s caratteri!
Non inserire più di %s caratteri!
Inserisci una data valida!
Inserisci un numero di telefono valido!
Inserisci un CAP valido!
Inserisci un codice fiscale valido!
Inserisci una partita IVA valida!
Devi accettare la normativa sulla privacy!
Si è verificato un errore! Ricontrolla i campi.
Utilizza un Nickname valido!
Password non valida!
• almeno 1 carattere speciale (-_@#$%)
• almeno 1 numero
• almeno 1 carattere maiuscolo
• almeno 1 carattere minuscolo
• lunga almeno 6 caratteri
• più corta di 20 caratteri
Le due password inserite non coincidono!
Non valida!
Non valida!
Ok!
Controlla l'email!
Utente non attivato! Clicca nel link di conferma che ti è stato inviato via email!
Mmm... sicuro di quello che fai?
Sei già nella newsletter di Essere Animali!
Si è verificato un errore!

IL TUO 5×1000
A ESSERE ANIMALI PUÒ APRIRE QUESTA GABBIA

DONA IL 5×1000
A ESSERE ANIMALI

Sostienici a costo zero. Usa il codice fiscale:
976 762 00 153

Scopri come
Chiudi