Mangiare veg nelle mense universitarie: esempi virtuosi dall’estero

© Adobe Stock

Stai leggendo:

Mangiare veg nelle mense universitarie: esempi virtuosi dall’estero


Ti interessa l'articolo?

Iscriviti

Valentina Taglietti
Food Policy Manager

Sempre più università in Europa e nel mondo scelgono di aumentare l’offerta vegetale, a vantaggio della salute, dell’ambiente e degli animali. Scopriamone alcune. 

Recentemente abbiamo pubblicato il Ranking Mense per il Clima, realizzato dal nostro progetto MenoPerPiù, allo scopo di mappare gli atenei che mettono a disposizione una maggiore offerta vegetale nelle proprie mense, erogando un servizio di ristorazione più trasparente, inclusivo e sostenibile.

Ma mentre buona parte delle università italiane versano in una condizione di stallo, fuori dai confini nazionali le cose si muovono velocemente. 

Le mense studentesche negli altri Paesi 

Nel Regno Unito sono oltre 12 le realtà che, a seguito della campagna studentesca Plant-Based Universities, hanno dato il via a iniziative per rendere i menù delle mense e dei ristoranti nei campus sempre più sostenibili. Come, per esempio, le Università di Birmingham, Cambridge, Londra Queen Mary e Stirling, che hanno approvato mozioni che le impegnano a raggiungere in via incrementale menù 100% vegetali entro pochi anni.

© Envato


In Germania l’associazione nazionale degli enti per il diritto allo studio, che comprende 57 realtà, sta lavorando a delle linee guida nazionali per promuovere l’alimentazione sostenibile. Nel frattempo, sono almeno quattro le università dotate di una mensa prevalentemente vegetale, Berlino inclusa, dove 34 mense e bar servono un menù per il 68% vegetale e per il 28% vegetariano, con una sola opzione di carne e una di pesce.

In Francia l’organizzazione nazionale degli enti per il diritto allo studio ha inserito la promozione delle proteine vegetali nelle strategie per la transizione ecologica, con l’obiettivo di arrivare al 2030 con un pasto su due a base vegetale.

Nei Paesi Bassi sono almeno otto le università che hanno potenziato l’offerta sostenibile, ad esempio rendendo il cibo vegetale il default negli eventi di ateneo o il più conveniente in mensa, grazie a un sistema di sovvenzioni. Il polo di Rotterdam punta a diventare 100% vegetale entro il 2030.

In Repubblica Ceca, da settembre 2023 tutte le mense dell’Università Carolina di Praga offrono almeno un piatto vegan al giorno e l’ateneo ha inserito la riduzione dei prodotti animali nella propria sustainability policy. 

In Slovacchia, nelle mense di 11 università statali viene servita un’opzione vegetale tutti i giorni o quasi. Il progetto Zelena Jedalen ha anche sviluppato una mappa interattiva con tutte le mense vegan-friendly e relativo menu. 

Gettando uno sguardo oltreoceano, negli Stati Uniti, le principali aziende di ristorazione Aramark e Sodexo hanno annunciato di voler rendere i menù serviti nelle mense universitarie rispettivamente per il 44% e il 50% vegetali entro il 2025, dando seguito a simili impegni assunti dalle medesime società in Germania e Regno Unito.

Università più sostenibili anche in Italia? Si può fare 

La comunità scientifica è unanime nel sostenere che aumentare l’offerta di cibo vegetale è una delle strategie più efficaci per contrastare la crisi eco-climatica e promuovere filiere alimentari più etiche

Sarebbe lecito aspettarsi una consistente proposta vegetale nelle mense che ogni giorno si rivolgono a due milioni di persone tra docenti, studenti, personale di ricerca, tecnico e amministrativo, ma la realtà che abbiamo rilevato con la nostra analisi è molto diversa. 

Su 58 menù analizzati, solo 12 rientrano nelle fasce verdi, riservate alle realtà più virtuose, e di questa una su due si trova in Toscana. Per fortuna esistono strutture pioniere, ma c’è ancora tanto da fare: più della metà delle mense non contempla secondi a base di legumi nemmeno una volta alla settimana. 

© Essere Animali

L’auspicio è che gli atenei italiani traggano spunto e ispirazione dalle buone pratiche degli altri Paesi, per dare finalmente avvio a un dibattito costruttivo attorno a cosa viene servito ogni giorno nelle mense universitarie italiane. 


Ti piace questo articolo?

Supporta Essere Animali con una piccola donazione

164 persone hanno donato €2. Tanti piccoli aiuti possono fare la differenza.

Dona 2€
al mese

Fai ancora di più

Grazie!
Con te siamo a
0 firme

Salta questo step

Fai una microdonazione a Essere Animali

Per:

Con una donazione di 2€ al mese puoi fare tanto

Se hai dubbi o problemi nella donazione scrivici.

Questo campo è obbligatorio!
Inserire almeno %s caratteri!
Non inserire più di %s caratteri!
Inserisci una data valida!
Inserisci un numero di telefono valido!
Inserisci un CAP valido!
Inserisci un codice fiscale valido!
Inserisci una partita IVA valida!
Devi accettare la normativa sulla privacy!
Si è verificato un errore! Ricontrolla i campi.
Utilizza un Nickname valido!
Password non valida!
• almeno 1 carattere speciale (-_@#$%)
• almeno 1 numero
• almeno 1 carattere maiuscolo
• almeno 1 carattere minuscolo
• lunga almeno 6 caratteri
• più corta di 20 caratteri
Le due password inserite non coincidono!
Non valida!
Non valida!
Ok!
Controlla l'email!
Utente non attivato! Clicca nel link di conferma che ti è stato inviato via email!
Mmm... sicuro di quello che fai?
Sei già nella newsletter di Essere Animali!
Si è verificato un errore!

IL TUO 5×1000
A ESSERE ANIMALI PUÒ APRIRE QUESTA GABBIA

DONA IL 5×1000
A ESSERE ANIMALI

Sostienici a costo zero. Usa il codice fiscale:
976 762 00 153

Scopri come
Chiudi