Ho accompagnato Saverio Tommasi di Fanpage a vedere i trasporti di animali durante il caldo estremo

© Fanpage

Stai leggendo:

Ho accompagnato Saverio Tommasi di Fanpage a vedere i trasporti di animali durante il caldo estremo


Ti interessa l'articolo?

Iscriviti

Francesco Ceccarelli
Responsabile investigazioni

In uno dei giorni più caldi di questa estate il giornalista Saverio Tommasi è salito in macchina con il nostro team investigativo per realizzare un video su questa realtà ancora troppo ignorata.

Incontriamo Saverio Tommasi di Fanpage alle 11 di mattina in un parcheggio vicino al casello autostradale di Parma. In macchina siamo io e Simone e la temperatura esterna è già sopra ai 30° C gradi, è il quarto giorno che stiamo percorrendo la A1 tra Milano e Bologna per controllare le condizioni degli animali trasportati al macello.

Ecco il video del servizio

Come funzionano i controlli dei trasporti di animali vivi

Questa particolare attività di monitoraggio viene realizzata durante le ondate di caldo estremo, quando i bollettini meteo allertano l’arrivo di tempereture intorno ai 40°. È già il secondo anno che scendiamo in strada per questi controlli e ogni volta rimaniamo basiti quando avvistiamo camion carichi di animali nelle fasce più calde della giornata.

In pratica l’attività di controllo funziona così: ci fermiamo in un’area di servizio sulla A1 in direzione sud, perché questa è una delle principali arterie di collegamento tra gli allevamenti intensivi della pianura padana e i grandi impianti di macellazione. Qui aspettiamo il passaggio dei camion. Appena ne avvistiamo uno controlliamo con un cannocchiale se il mezzo è pieno e quali animali trasporta. Generalmente i veicoli che viaggiano in direzione sud sono sempre carichi, soprattutto di maiali, e una volta stabilito saliamo in macchina e iniziamo a seguirlo. Viste le condizioni di caldo così estreme che non garantiscono agli animali un viaggio privo di sofferenze, come la legge imporrebbe, chiamiamo subito le forze dell’ordine per chiedere un controllo.

Il Regolamento CE n. 1/2005 sulla protezione degli animali durante il trasporto, non fissa parametri specifici per le temperature, ma si limita a generici: «nessuno è autorizzato a trasportare o far trasportare animali in condizioni tali da esporli a lesioni o sofferenze inutili» o «il benessere degli animali non sia compromesso a causa di un insufficiente coordinamento delle diverse parti del viaggio e si tenga conto delle condizioni atmosferiche».

Chiaramente anche con Saverio abbiamo seguito questo protocollo. In quella circostanza, come nei giorni precedenti, abbiamo chiamato più e più volte la Polizia stradale, ma in nessun caso è intervenuta. Tutte le volte la stessa giustificazione, “abbiamo poche pattuglie e sono tutte impegnate”, in pratica la nostra richiesta non è considerata una priorità.

Qui mentre verifico la temperatura all’interno del camion
© Essere Animali

Dato che la temperatura esterna sfiorava i 40° C e le forze dell’ordine non sono intervenute, insieme al giornalista abbiamo deciso di adottare uno stratagemma per cercare di controllare lo stato degli animali. Al 90% eravamo sicuri che il camion sarebbe uscito al casello di Faenza in provincia di Ravenna per andare a scaricare in un grande macello della zona, così abbiamo studiato l’area e individuato un punto all’uscita di una rotonda dove il camion si sarebbe fermato per dare la precedenza, ed è in quell’incrocio che la nostra macchina avrebbe finto un “guasto”, giusto per avere il tempo per misurare la temperatura interna e controllare le condizioni di salute dei maiali.

Cosa abbiamo visto dentro il camion

Il piano prevedeva che Simone scaricasse me e Saverio nei pressi dell’incrocio e una volta che il camion sarebbe stato fermo ci saremmo avvicinati alle paratie per osservare l’interno. Dopo 5 minuti vediamo arrivare il camion, siamo in contatto radio con Simone, che abilmente si posiziona davanti al mezzo. Tutto come previsto, il camion si ferma e da dietro ci dirigiamo verso gli animali, l’odore è molto forte, fa un caldo da morire e subito ci rendiamo conto che tutti i maiali boccheggiano. In molti con la bava alla bocca, altri stesi ansimano, tutti hanno una frequenza respiratoria altissima. Non ci sono i beverini per l’acqua per cui sono almeno 4 ore che non bevono. Ricordo che non è obbligatorio abbeverare gli animali per viaggi sotto le 8 ore ma ciò non toglie che abbiano sete. Misuro la temperatura interna ed è oltre i 40° C, rimaniamo a contatto con gli animali circa un minuto, è uno strazio e vedo che anche Saverio rimane colpito da tutte quelle bocche spalancate alla ricerca di un’aria che non c’è.

Questo maiale cerca di respirare l’aria all’esterno del camion
© Essere Animali

Fermiamo le crudeltà durante i trasporti

Come abbiamo già documentato l’anno scorso trasportare animali durante le giornate di caldo estremo è una problematica sempre più diffusa, e deve essere risolta. Non è possibile che la normativa di fatto legittimi queste sofferenze dato che non prevede una temperatura di riferimento oltre la quale sia impedito far viaggiare gli animali.

È sempre più evidente come la normativa europea che regola questi trasporti sia anacronistica e inadeguata. Per questo chiediamo alla Commissione europea di adottare misure più stringenti ed eliminare le pratiche più gravi che riguardano il trasporto di animali vivi.


Ti piace questo articolo?

Supporta Essere Animali con una piccola donazione

164 persone hanno donato €2. Tanti piccoli aiuti possono fare la differenza.

Dona 2€
al mese

Fai ancora di più

Grazie!
Con te siamo a
0 firme

Salta questo step

Fai una microdonazione a Essere Animali

Per:

Con una donazione di 2€ al mese puoi fare tanto

Se hai dubbi o problemi nella donazione scrivici.

Questo campo è obbligatorio!
Inserire almeno %s caratteri!
Non inserire più di %s caratteri!
Inserisci una data valida!
Inserisci un numero di telefono valido!
Inserisci un CAP valido!
Inserisci un codice fiscale valido!
Inserisci una partita IVA valida!
Devi accettare la normativa sulla privacy!
Si è verificato un errore! Ricontrolla i campi.
Utilizza un Nickname valido!
Password non valida!
• almeno 1 carattere speciale (-_@#$%)
• almeno 1 numero
• almeno 1 carattere maiuscolo
• almeno 1 carattere minuscolo
• lunga almeno 6 caratteri
• più corta di 20 caratteri
Le due password inserite non coincidono!
Non valida!
Non valida!
Ok!
Controlla l'email!
Utente non attivato! Clicca nel link di conferma che ti è stato inviato via email!
Mmm... sicuro di quello che fai?
Sei già nella newsletter di Essere Animali!
Si è verificato un errore!

IL TUO 5×1000
A ESSERE ANIMALI PUÒ APRIRE QUESTA GABBIA

DONA IL 5×1000
A ESSERE ANIMALI

Sostienici a costo zero. Usa il codice fiscale:
976 762 00 153

Scopri come
Chiudi