Le nostre immagini negli allevamenti in prima serata su Rai3

© Rai 3

Stai leggendo:

Le nostre immagini negli allevamenti in prima serata su Rai3


Ti interessa l'articolo?

Iscriviti

Maria Mancuso
Web content editor

Ieri nel programma di inchiesta Indovina chi viene a cena condotto da Sabrina Giannini su Rai3 sono andate in onda le nostre immagini mostrando ancora una volta le terribili condizioni di vita degli animali negli allevamenti intensivi.

Nell’ultima puntata di stagione del suo programma Indovina chi viene a cena, Sabrina Giannini ha voluto approfondire diversi temi che ruotano attorno all’ambiente e il ruolo che il settore alimentare gioca nell’attuale crisi climatica, nonché la sofferenza degli animali negli allevamenti intensivi, trattati come macchine da sfruttare per la produzione di cibo.

Le nostre immagini delle gabbie

Nel servizio vengono mostrate delle immagini raccolte durante una visita notturna in cui il nostro team investigativo ha accompagnato Sabrina Giannini in un allevamento intensivo di conigli. Questi animali trascorrono la loro vita in piccolissime gabbie e qui non possono soddisfare in alcun modo i loro benché minimi bisogni etologici.

A questo punto si parla dunque della campagna europea End the Cage Age che ha lo scopo di mettere fine all’era delle gabbie in Europa e della quale si è chiusa da pochi giorni la raccolta firme della coalizione italiana con l’appello al Governo. Lanciata nel 2018, l’iniziativa dei cittadini europei End the Cage Age ha raccolto oltre 1,4 milioni di firme certificate, un numero eccezionale, e per questo la Commissione europea si è impegnata a eliminare gradualmente l’uso delle gabbie negli allevamenti europei entro il 2027.

Per questo chiediamo al Governo di sostenere la richiesta di vietare l’allevamento in gabbia nella UE in tutte le sedi opportune e di adottare ogni opportuno strumento, legislativo ed economico, per favorire e realizzare al più presto la transizione a sistemi di allevamento senza gabbie anche in Italia.

Il servizio prosegue poi con le immagini della nostra diretta durata 24 ore all’interno di diverse gabbie in allevamenti italiani di conigli, vitelli, scrofe e di galline. Un’iniziativa che abbiamo realizzato per sostenere la campagna. Qui il video completo della diretta:

Allevamenti intensivi e sofferenza

Nella puntata nello specifico ha trattato poi di quella che lei definisce la “crociata” contro la carne coltivata, usata per distogliere l’attenzione dalla natura degli allevamenti intensivi italiani e quindi delle condizioni degli animali allevati nel nostro Paese — per nulla o quasi dissimili a quelli statunitensi — con animali selezionati geneticamente per produrre il più possibile nel più breve tempo possibile. La giornalista mostra anche le condizioni dei polli broiler, dove sono evidenti tutte le problematiche che denunciamo da anni. Non stanno meglio le scrofe, che trascorrono la maggior parte della loro vita in gabbie talmente piccole da non permettere loro neanche di girarsi su se stesse.

Le problematiche sono molte

Il servizio tocca poi il tema del legame tra uso di antibiotici negli allevamenti intensivi e antibiotico resistenza, dell’etichettatura “benessere animale“, la senzienza dei crostacei, zoonosi e COVID-19, allevamenti di visoni in Italia, caccia e infine i santuari, la cui esistenza è stata riconosciuta in Italia con il Decreto Ministeriale pubblicato il 16 maggio. Guarda il servizio completo.


Grazie!
Con te siamo a
0 firme

Salta questo step

Fai una microdonazione a Essere Animali

Per:

Con una donazione di 2€ al mese puoi fare tanto

Se hai dubbi o problemi nella donazione scrivici.

Questo campo è obbligatorio!
Inserire almeno %s caratteri!
Non inserire più di %s caratteri!
Inserisci una data valida!
Inserisci un numero di telefono valido!
Inserisci un CAP valido!
Inserisci un codice fiscale valido!
Inserisci una partita IVA valida!
Devi accettare la normativa sulla privacy!
Si è verificato un errore! Ricontrolla i campi.
Utilizza un Nickname valido!
Password non valida!
• almeno 1 carattere speciale (-_@#$%)
• almeno 1 numero
• almeno 1 carattere maiuscolo
• almeno 1 carattere minuscolo
• lunga almeno 6 caratteri
• più corta di 20 caratteri
Le due password inserite non coincidono!
Non valida!
Non valida!
Ok!
Controlla l'email!
Utente non attivato! Clicca nel link di conferma che ti è stato inviato via email!
Mmm... sicuro di quello che fai?
Sei già nella newsletter di Essere Animali!
Si è verificato un errore!