Trasporti: oltre 3 milioni gli animali importati in Italia dopo viaggi estenuanti

© Essere Animali

Stai leggendo:

Trasporti: oltre 3 milioni gli animali importati in Italia dopo viaggi estenuanti


Ti interessa l'articolo?

Iscriviti

Francesco Ceccarelli
Responsabile investigazioni

Ogni anno, gli animali vivi importati in Italia sono moltissimi, ma quelli effettivamente controllati invece sono troppo pochi. Passano gli anni e i trasporti degli animali continuano ad essere un problema, ecco qualche dato dall’ultimo report del Ministero della Salute.

Pioveva e da mezz’ora aspettavo un camion di cavalli proveniente dalla Polonia che doveva scaricare e far riposare gli animali in una stalla di sosta vicino a Trieste perché il suo viaggio prevedeva una durata sopra le 24 ore. Era il 2014 e con altri investigatori stavamo documentando la tratta di cavalli dall’est Europa ai macelli pugliesi.

Il camion arriva e dopo qualche minuto sopraggiunge anche il veterinario, controlla i documenti, iniziano a scaricare, da un occhiata ai primi cavalli scendere e torna in ufficio. In quel frangente non doveva fare un accurato controllo, il quale era invece previsto per il giorno dopo quando doveva confermare l’idoneità degli animali a proseguire il viaggio. Tuttavia, l’atteggiamento di sufficienza nel guardare quei cavalli scendere mi impressionò, in negativo.

Questo fu il mio primo incontro con un veterinario adibito al controllo degli animali durante i trasporti. È a queste immagini che ripenso mentre leggo l’ultimo report diffuso dal Ministero della Salute sull’attività svolta dai Posti di Controllo Frontalieri (PCF) e degli Uffici Veterinari per gli Adempimenti Comunitari (UVAC). Si tratta di un resoconto dei controlli effettuati nel 2021 su animali vivi, mangimi e prodotti alimentari importati in Italia. Prima di iniziare vale la pena chiarire brevemente quali sono le istituzioni addette ai controlli: i PCF e gli UVAC.

Che cosa fanno i PCF e gli UVAC?

I PCF sono degli Uffici veterinari periferici del Ministero della Salute abilitati a effettuare — tra le altre cose — controlli su animali vivi, su prodotti di origine animale e mangimi provenienti da Paesi terzi e destinati al mercato europeo. Essendo collocati in porti e aeroporti, realizzano controlli solo su animali e/o merci che viaggiano via mare o aria.

Il controllo degli animali da allevamento invece è in mano agli UVAC, gli uffici periferici del Ministero della Salute la cui responsabilità a livello nazionale è quella di controllare le partite di merci e animali provenienti dall’Unione Europea. Una partita equivale a una spedizione.

Il principio generale che governa gli scambi intracomunitari, animali compresi, si basa sulla fiducia nelle garanzie fornite dal Paese speditore, mentre al Paese di destinazione è consentito controllare solo a campione. A questi controlli di routine se ne aggiungono altri per il controllo del benessere degli animali realizzati dagli UVAC, in collaborazione con Polizia Stradale, Carabinieri del NAS o Forestali.

Per gestire le attività di controllo, la Comunità europea ha inoltre previsto due strumenti di informazione: il primo consiste nell’obbligo, da parte dei destinatari, di segnalare preventivamente l’arrivo delle partite all’UVAC e al Servizio Veterinario delle ASL competenti nel territorio. Il secondo prevede l’obbligo di trasmissione di un messaggio con cui vengono segnalati i dati più rilevanti della partita spedita. Veniamo ora ai dati.

Le carni importate in Italia

Nel 2021 sono state 2,5 milioni le partite di merci segnalate agli UVAC provenienti da nazioni europee. Rispetto al 2020, è stato registrato un aumento dell’8%, dovuto principalmente al normalizzarsi della situazione sanitaria da COVID-19.

Partite segnalate per categoria merceologica nel 2021
Il 39% delle partite è rappresentato da prodotti della pesca, il 3% da animali vivi.
© Essere Animali

Le partite di prodotti della pesca sono costituite soprattutto da prodotti ittici, molluschi e prodotti della pesca preparati. Per quanto riguarda le carni, la specie più importata è quella suina (oltre 1 milione di tonnellate), seguita da quella bovina (oltre 300 mila tonnellate).

Ripartizione dei volumi di carne nel 2021
© Essere Animali

Nel 2021, attraverso i PCF, sono state importate circa 42 mila partite di animali, prodotti di origine animale e mangimi di origine animale provenienti da oltre 100 Paesi. Il 70% di queste partite riguarda i prodotti della pesca, seguito dai mangimi (8%) e dalle carni (6%). L’84% delle partite di carni è rappresentato da carni bovine, la maggior parte di queste provenienti dal Brasile.

Quanti animali da allevamento sono arrivati in Italia?

Veniamo ora ai numeri che più interessano il nostro lavoro, ovvero i dati relativi al trasporto di animali vivi destinati all’industria alimentare.

Partite di animali vivi per specie
© Essere Animali

Nel 2021 in quasi 70 mila spedizioni, sono stati importati in Italia da altri Paesi UE: 1,4 milioni di maiali, 1,3 milioni di bovini, 790 mila ovini e oltre 56 milioni di avicoli, di cui la maggior parte pulcini di 1 giorno.

Numero di animali importati per nazione di provenienza
© Essere Animali

Confrondando i dati presenti nel report con quelli del 2016, si nota un calo nelle importazioni di oltre 300 mila suini e 200 mila ovini, nonché un aumento di 100 mila bovini.

Andamento del numero di animali importati negli ultimi 5 anni
© Essere Animali

Si può garantire il rispetto del benessere degli animali durante questi viaggi?

Che ci siano delle problematiche durante il trasporto degli animali lo si deduce anche dall’attenzione riservata a questo tipo di commercio. Pur essendo quelle meno numerose, le partite con animali vivi sono state, nel 2021, quelle più controllate: sul totale dei controlli realizzati lo scorso anno, un terzo sono stati effettuati su camion che trasportavano animali. Ma sebbene vi sia stato un maggiore interesse, rimangono tuttavia numeri esigui: su un milione di bovini provenienti dalla Francia solo il 3% delle partite ha avuto un controllo, lo stesso vale per gli oltre 800 mila suini arrivati dalla Danimarca, con il 4,6% di partite controllate. Stessa percentuale per i 200 mila ovini provenienti dalla Romania.

Numero e percentuale di partite controllate
© Essere Animali

Trasporti sanzionati

Sulle oltre 66 mila partite di animali vivi arrivati in Italia sono state comminate solo 152 sanzioni. Questo dato restituisce una visione falsata della realtà perché è estremamente basso in relazione alla nostra esperienza sul campo. Seppur parzialmente rappresentativa dell’intero comparto, le nostre attività di monitoraggio descrivono un altro mondo.

Il video reportage del monitoraggio che abbiamo realizzato insieme a l’On. Eleonora Evi la scorsa Pasqua.

Negli ultimi due anni, durante il periodo pasquale abbiamo realizzato un’attività di controllo dei camion che dall’Est Europa trasportavano agnelli — quest’anno con noi era presente anche l’eurodeputata Eleonora Evi. Sebbene le attività siano durate soli 3 giorni, siamo riusciti a controllare 6 camion di cui 3 sono stati sanzionati dalle forze dell’ordine per problematiche relative alle condizioni di trasporto degli animali.

Questo risultato lascia presagire che i trasportatori, consci del fatto che i controlli avvengano solo a campione e quindi l’ipotesi che vengano ispezionati è molto rara, tendano a mettersi in viaggio nonostante i carichi non siano completamente a norma. Inoltre a complicare ulteriormente le cose c’è di mezzo una legge, scritta in maniera generica, senza precisi parametri di riferimento, che lascia spazio a interpretazioni sia da parte di chi dovrebbe rispettarla e chi farla rispettare. Una legge che oltretutto prevede sanzioni così basse che di fatto non rappresentano un deterrente per la loro applicazione.

Leggi incomplete e inadeguate sui trasporti

Nel terzo semestre del 2023 la Commissione europea presenterà una bozza di legge che andrà a sostituire la Normativa per la protezione degli animali durante il trasporto, entrata in vigore circa 20 anni fa. Anche lo European Food Safety Authority (EFSA) in un rapporto consegnato alla Commissione europea ha espresso raccomandazioni per migliorare l’attuale normativa.

Concedere più spazio, abbassare le temperature massime e ridurre al minimo i tempi di viaggio sono elementi necessari per migliorare il benessere degli animali d’allevamento durante il trasporto.
European Food Safety Authority

Essere Animali si sta battendo su vari fronti per ottenere una legge migliore, aggiornata alle odierne conoscenze scientifiche ed etologiche. Le nostre principali richieste sono:

• Vietare il trasporto di animali vivi su lunghe distanze (di durata superiore alle 8 ore);

• Introdurre un intervallo di temperatura esterna tra i 5° e i 25°C al di fuori del quale ogni trasporto venga vietato;

• Definire chiaramente alcuni parametri fondamentali, come le condizioni specie-e categorie-specifiche per l’idoneità al trasporto degli animali, nonché la disponibilità di spazio e la modalità di somministrazione dell’acqua.

Aiutaci a far risuonare la nostra voce ancora più forte. Firma la petizione per chiedere una normativa chiara e adeguata!


Ti piace questo articolo?

Supporta Essere Animali con una piccola donazione

131 persone hanno donato €2. Tanti piccoli aiuti possono fare la differenza.

Dona 2€
al mese

Fai ancora di più

Firma per fermare le sofferenze nei trasporti degli animali

15.508 hanno già firmato. Arriviamo a 20.000!

Questo campo è obbligatorio!
Inserire almeno %s caratteri!
Non inserire più di %s caratteri!
Inserisci una data valida!
Inserisci un numero di telefono valido!
Inserisci un CAP valido!
Inserisci un codice fiscale valido!
Inserisci una partita IVA valida!
Devi accettare la normativa sulla privacy!
Si è verificato un errore! Ricontrolla i campi.
Utilizza un Nickname valido!
Password non valida!
• almeno 1 carattere speciale (-_@#$%)
• almeno 1 numero
• almeno 1 carattere maiuscolo
• almeno 1 carattere minuscolo
• lunga almeno 6 caratteri
• più corta di 20 caratteri
Le due password inserite non coincidono!
Non valida!
Non valida!
Ok!
Controlla l'email!
Utente non attivato! Clicca nel link di conferma che ti è stato inviato via email!
Mmm... sicuro di quello che fai?
Sei già nella newsletter di Essere Animali!
Si è verificato un errore!
leggi il testo della petizione

La revisione del Regolamento sui trasporti costituisce un’occasione unica per la Commissione europea e i co-legislatori dell’UE per garantire una maggiore e migliore protezione degli animali e per intervenire sulle problematiche più gravi al fine di risparmiare agli animali sofferenze evitabili.

Per questo chiediamo:

  • Un divieto del trasporto degli animali vivi verso Paesi extra-UE.
  • Un divieto del trasporto di animali vivi su lunga distanza nell’UE, limitando la durata di percorrenza a un massimo di 8 ore per i suini, i bovini e gli ovini adulti, e di 4 ore per il pollame e i conigli.
  • Un divieto del trasporto di animali non svezzati e in stato di gravidanza avanzato (oltre il 40% del periodo gestazionale).
  • L’individuazione e la definizione di parametri e condizioni specifici per specie e categoria di animali vivi, volti a valutare l’idoneità al trasporto, a stabilire i limiti minimi e massimi delle temperature esterne, e ad assicurare un’adeguata disponibilità di spazio e un’appropriata somministrazione di cibo e acqua durante gli spostamenti all’interno dell’UE.
  • La riduzione e la sostituzione del trasporto di animali vivi con quello di carne e carcasse, e semi e embrioni, come raccomandato anche da FVE, OIE, ed EFSA.

Chiediamo inoltre di garantire un’applicazione più rigorosa della normativa comunitaria che deve essere altresì accompagnata da un numero maggiore di controlli ed ispezioni e da rigide sanzioni in caso di infrazioni.

Grazie, la tua firma è importante

C'è un'altra persona lì vicino a te?

Fai firmare anche lei!
Grazie!
Con te siamo a
15.508 firme
Vuoi fare di più? Condividi la petizione per aiutarci a raggiungere 20000 firme

Salta questo step

Fai una microdonazione a Essere Animali

Per:

Con una donazione di 2€ al mese puoi fare tanto

Se hai dubbi o problemi nella donazione scrivici.

Questo campo è obbligatorio!
Inserire almeno %s caratteri!
Non inserire più di %s caratteri!
Inserisci una data valida!
Inserisci un numero di telefono valido!
Inserisci un CAP valido!
Inserisci un codice fiscale valido!
Inserisci una partita IVA valida!
Devi accettare la normativa sulla privacy!
Si è verificato un errore! Ricontrolla i campi.
Utilizza un Nickname valido!
Password non valida!
• almeno 1 carattere speciale (-_@#$%)
• almeno 1 numero
• almeno 1 carattere maiuscolo
• almeno 1 carattere minuscolo
• lunga almeno 6 caratteri
• più corta di 20 caratteri
Le due password inserite non coincidono!
Non valida!
Non valida!
Ok!
Controlla l'email!
Utente non attivato! Clicca nel link di conferma che ti è stato inviato via email!
Mmm... sicuro di quello che fai?
Sei già nella newsletter di Essere Animali!
Si è verificato un errore!
STOP PELLICCE
IN TUTTA EUROPA

Prendi parte a Fur Free Europe

Partecipa
Chiudi