Finalmente un primo passo contro le #BugieInEtichetta

© Essere Animali

Stai leggendo:

Finalmente un primo passo contro le #BugieInEtichetta


Ti interessa l'articolo?

Iscriviti

Brenda Ferretti
Campaigns manager

Nel testo portato dal Governo in Conferenza Stato-Regioni sono state recepite alcune modifiche positive al decreto che istituisce l’etichettatura nazionale volontaria sul benessere animale: un primo passo nella giusta direzione.

Qualche giorno fa è stato discusso e votato il decreto interministeriale che istituisce il Sistema di Qualità Nazionale per il Benessere Animale – SQNBA, da cui nascerà l’etichettatura su base volontaria da parte degli allevamenti. Per mesi ci siamo battuti insieme a una coalizione di associazioni per fermare o modificare sostanzialmente questo decreto, che abbiamo chiamato #BugieInEtichetta, perché nella pessima versione originale avrebbe concesso un bollino di “Benessere Animale” ad allevamenti intensivi senza promuovere nessun miglioramento rispetto alle pratiche standard attuali.

Dopo tante proteste e mobilitazioni accogliamo con favore le modifiche apportate dal Ministro della Salute Speranza al decreto, diversamente dal disinteresse del Ministro Patuanelli per le questioni da noi sollevate.

Lo scorso 4 maggio abbiamo realizzato un flash mob a Roma davanti alla sede del Ministero della Salute.
© Essere Animali

Si tratta solo di un primo passo e dovremo fare in modo che venga seguito dalla definizione adeguata degli standard per le diverse specie, dall’inclusione in etichetta della presenza o meno di gabbie, e da un’interpretazione chiara dei livelli progressivi indicati nel decreto, che devono essere applicati a metodi di allevamento differenti. Sarà inoltre essenziale prevedere meccanismi di controllo adeguati.

Etichettatura Ingannevole: cosa si tratta

La certificazione ministeriale che era stata originariamente proposta, contro cui ci siamo mobilitati, era molto vaga e prevedeva di etichettare come “benessere animale” prodotti provenienti anche da allevamenti intensivi con pratiche ai margini degli standard minimi di legge: dove le scrofe vivono in gabbia e dove viene praticato il taglio sistematico della coda ai suini che è anche una violazione della direttiva europea.

Chiediamo un impegno pubblico dei partiti

Dobbiamo evitare che i soldi pubblici di milioni di cittadini italiani vengano utilizzati nel modo peggiore, mantenendo e promuovendo l’attuale sistema di allevamento intensivo.

Continueremo a seguire attentamente i lavori per assicurarci che non si vada verso un’etichettatura ingannevole e chiediamo ai partiti di prendere un impegno pubblico affinché siano definiti in maniera chiara i livelli progressivi di benessere sia nell’allevamento al coperto che all’aperto indicati nel testo, e sia obbligatorio riportare in etichetta l’uso delle gabbie.

Qui in azione davanti al Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali.
© Essere Animali

*Le associazioni che aderiscono alla coalizione sono: Animalisti Italiani, Animal Law Italia, Animal Equality, CIWF Italia Onlus, Confconsumatori, ENPA, Essere Animali, Greenpeace, LAV, LEIDAA, Legambiente, OIPA, The Good Lobby, WWF Italia.


Ti piace questo articolo?

Supporta Essere Animali con una piccola donazione

126 persone hanno donato €2. Tanti piccoli aiuti possono fare la differenza.

Dona 2€
al mese

Fai ancora di più

Fai una microdonazione a Essere Animali

Per:

Con una donazione di 2€ al mese puoi fare tanto

Se hai dubbi o problemi nella donazione scrivici.

Questo campo è obbligatorio!
Inserire almeno %s caratteri!
Non inserire più di %s caratteri!
Inserisci una data valida!
Inserisci un numero di telefono valido!
Inserisci un CAP valido!
Inserisci un codice fiscale valido!
Inserisci una partita IVA valida!
Devi accettare la normativa sulla privacy!
Si è verificato un errore! Ricontrolla i campi.
Utilizza un Nickname valido!
Password non valida!
• almeno 1 carattere speciale (-_@#$%)
• almeno 1 numero
• almeno 1 carattere maiuscolo
• almeno 1 carattere minuscolo
• lunga almeno 6 caratteri
• più corta di 20 caratteri
Le due password inserite non coincidono!
Non valida!
Non valida!
Ok!
Controlla l'email!
Utente non attivato! Clicca nel link di conferma che ti è stato inviato via email!
Mmm... sicuro di quello che fai?
Sei già nella newsletter di Essere Animali!
Si è verificato un errore!