5 cose senza sforzo che puoi fare per gli animali


Maria Mancuso
Web content editor

Vorresti contribuire a rendere migliore la vita degli animali ma non sai da dove iniziare? Abbiamo messo insieme una lista di cinque azioni che richiedono poco sforzo ma che possono davvero fare la differenza.

1. Scegli un’alimentazione vegetale

L’alimentazione vegetale è la scelta più importante che puoi fare per cambiare il destino degli animali sfruttati dall’industria alimentare. Secondo le stime di Animal Charity Evaluators, ai ritmi di consumo attuali, chiunque scelga un’alimentazione a base di piante risparmia ogni anno la vita di 105 animali, circa uno ogni tre giorni, senza considerare gli animali invertebrati come i crostacei (cozze, vongole, gamberi…). La FAO calcola che a morire per il consumo umano ogni anno siano 770 miliardi di animali: oltre 100 volte l’intera popolazione mondiale. Riuscite a immaginare un numero così grande?

Infografica sui numeri degli animali salvati da un'alimentazione vegetale
© Essere Animali

2. Informa e condividi

La maggior parte delle persone che consumano prodotti animali quotidianamente non conosce ciò che avviene negli allevamenti e nei macelli italiani. In molti pensano basti l’etichetta “Made in Italy” perché siano garantite condizioni di vita dignitose. Purtroppo le nostre indagini negli allevamenti realizzate negli ultimi dieci anni mostrano decide e decine di episodi di maltrattamento, mutilazioni senza anestesia e analgesia, inseminazioni artificiali continue, deformazioni dovute alla selezione genetica, ambienti sporchi e privi di stimoli. Un’azione molto importante che quindi puoi fare è aiutarci a spargere la voce e ad aumentare la consapevolezza su cosa succede agli animali all’interno degli allevamenti e dei macelli, diffondendo sui social le nostre indagini e iniziative. 

3. Diventa web attivista

I social media sono uno strumento cruciale per le nostre attività. Puoi fare attivismo per gli animali firmando le nostre petizioni o partecipando alle campagne online di pressione su aziende, istituzioni e governi. Attualmente stiamo raccogliendo le firme per la campagna End the cage age, che chiede al governo italiano di sostenere la richiesta di vietare l’allevamento in gabbia nell’UE in tutte le sedi opportune e di realizzare al più presto la transizione a sistemi di allevamento senza gabbie anche in Italia. Un’altra campagna per cui stiamo raccogliendo firme è No Animal Left Behind, coordinata da Eurogroup for Animals, il cui obiettivo è cambiare il futuro per gli animali negli allevamenti di tutta Europa. Infine, puoi promuovere la nostra petizione per fermare le violenze negli allevamenti

4. Supporta le nostre attività 

Essere Animali è un’associazione no-profit, che può proseguire le attività in difesa di tutti gli animali solo con l’aiuto dei sostenitori. Con un tuo contributo economico, una semplice donazione o devolvendo il tuo 5×1000, potrai portare avanti assieme a noi progetti e campagne in difesa degli animali. Se non ne hai mai sentito parlare, il 5×1000 è una quota dell’imposta IRPEF che lo Stato usa per dare sostegno ad associazioni, organizzazioni ed enti che svolgono attività con una rilevanza sociale, Si tratta di un supporto concreto e fondamentale per tutte le associazioni e farlo è gratis e semplicissimo: ti basterà scrivere il nostro codice fiscale nella tua dichiarazione dei redditi, nell’apposito riquadro dedicato alla destinazione del 5×1000.

Il nostro codice fiscale è 97676200153. Se hai dubbi, consulta la nostra guida.

Per donare il 5×1000 a Essere Animali, basta segnarti il nostro codice fiscale:
976 762 00 153

5. Ispira gli altri

Ricorda che con il tuo comportamento puoi essere un modello e un’ispirazione per chi ti circonda. Cerca di mantenere il più possibile un atteggiamento positivo che coinvolga gli altri senza giudicarli o, peggio, farli sentire in colpa. Prima di informarci eravamo tutti all’oscuro di ciò che gli animali devono subire prima di diventare cibo, non dimenticarlo. Offri aiuto e sostegno a chiunque voglia intraprendere questa scelta: anche il più piccolo gesto di ognuno di noi può fare la differenza per gli animali.