Allevamento di pesci: 5 foto per capire cos’è e come funziona l’acquacoltura

© Selene Magnolia / We Animals Media

Stai leggendo:

Allevamento di pesci: 5 foto per capire cos’è e come funziona l’acquacoltura


Ti interessa l'articolo?

Iscriviti

Maria Mancuso
Web content editor

Che siano in acqua o a terra gli allevamenti intensivi sono sempre luoghi di sofferenza per gli animali. Con queste foto di Selene Magnolia per We Animals Media ti mostriamo come funziona l’acquacoltura e le condizioni in cui vivono molti dei pesci che finiscono sulle tavole degli italiani.

1. Le condizioni di vita dei pesci nell’acquacoltura

gabbia di un allevamento ittico
Rispetto agli animali terrestri, i pesci passano molto più tempo in allevamento, fino a 6 anni per arrivare a produrre taglie commerciali pesanti.
© Selene Magnolia / We Animals Media

Esistono diverse tipi di gabbie, sia a terra che in mare. Quelle che vengono utilizzate in Grecia per allevare orate e branzini si trovano lungo le coste. Qui gli animali vivono in condizioni di sovraffollamento per anni, il tempo necessario a raggiungere il peso sufficiente per essere macellati. Nelle vasche raramente si trovano arricchimenti ambientali, i pesci nuotano in cerchio e spesso sono infestati da pidocchi e altri parassiti che causano loro ferite e lacerazioni. Il tasso di mortalità dei branzini e delle orate allevati nel Mediterraneo è di circa il 20%: in altre parole, negli allevamenti un pesce su cinque muore prima di essere macellato.

2. Inquinamento causato dall’acquacoltura

Gli allevamenti ittici greci occupano una superficie marina equivalente a 4.177 campi di calcio.
© Selene Magnolia / We Animals Media

Gli allevamenti intensivi di pesci che si trovano in mare rilasciano nell’ambiente numerose sostanze inquinanti, inclusi mangimi, feci, farmaci, antibiotici, insetticidi, pesticidi. La diffusione di queste sostanze causa numerosi problemi ambientali e contribuisce a creare ceppi di batteri resistenti agli antibiotici. Soltanto in Grecia, Paese leader nella produzione di orate e branzini, esistono 302 siti produttivi e ognuno di essi conta decine di gabbie: è difficile quantificare l’inquinamento provocato dall’itticoltura, ma è sicuramente notevole.

3. Sofferenza degli animali durante la movimentazione

L’itticultura è il settore alimentare con il più alto tasso di crescita degli ultimi decenni.
© Selene Magnolia / We Animals Media

Una volta pronti per la macellazione, i pesci d’acquacoltura vengono pescati in grosse reti, dove si dimenano e si feriscono per tentare di fuggire. Quelli che rimangono nel fondo vengono schiacciati dal peso degli altri individui. I pesci sono esseri senzienti perciò, anche se non possiamo sentire le loro grida, sappiamo che sono capaci di provare dolore e paura.

4. Stordimento e macellazione negli allevamenti di pesci

Branzino e orata sono tra le specie più consumate nel nostro Paese.
© Selene Magnolia / We Animals Media

Dopo essere stati prelevati dall’acqua, orate e branzini vengono immersi ancora vivi in cassoni contenenti acqua e ghiaccio, dove possono trascorrere decine di minuti di agonia prima di morire. La macellazione arriva spesso quando loro sono ancora coscienti. Questa è una pratica profondamente dolorosa e che è stata condannata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità Animale (OIE) e dalla Commissione Europea.

5. L’insostenibilità dell’acquacoltura

I prodotti da acquacoltura rappresentano il 46% della produzione mondiale e il 52% di tutto il pesce destinato al consumo umano.
© Selene Magnolia / We Animals Media

Mentre gli oceani si svuotano, qualcuno guarda all’acquacoltura (chiamata anche itticoltura) come a una alternativa sostenibile alla pesca industriale. Non è così: i mangimi dati ai pesci negli allevamenti contengono farina e olio di pesce proveniente da stock selvatici. Le specie allevate sono spesso carnivore, perciò hanno bisogno di altro pesce (selvatico) di cui cibarsi.

La nostra campagna #AncheiPesci

Grazie alla nostra campagna #AncheiPesci continuiamo a mostrare l’urgenza di intervenire a tutela di questi animali, non solo a livello legislativo, ma anche quello aziendale con lo sviluppo di policy che riducano concretamente la sofferenza di questi animali nelle filiere di produzione di aziende e insegne della grande distribuzione organizzata. Aiutaci a difendere #AncheiPesci, firma la nostra petizione.


Ti piace questo articolo?

Supporta Essere Animali con una piccola donazione

131 persone hanno donato €2. Tanti piccoli aiuti possono fare la differenza.

Dona 2€
al mese

Fai ancora di più

Grazie!
Con te siamo a
0 firme

Salta questo step

Fai una microdonazione a Essere Animali

Per:

Con una donazione di 2€ al mese puoi fare tanto

Se hai dubbi o problemi nella donazione scrivici.

Questo campo è obbligatorio!
Inserire almeno %s caratteri!
Non inserire più di %s caratteri!
Inserisci una data valida!
Inserisci un numero di telefono valido!
Inserisci un CAP valido!
Inserisci un codice fiscale valido!
Inserisci una partita IVA valida!
Devi accettare la normativa sulla privacy!
Si è verificato un errore! Ricontrolla i campi.
Utilizza un Nickname valido!
Password non valida!
• almeno 1 carattere speciale (-_@#$%)
• almeno 1 numero
• almeno 1 carattere maiuscolo
• almeno 1 carattere minuscolo
• lunga almeno 6 caratteri
• più corta di 20 caratteri
Le due password inserite non coincidono!
Non valida!
Non valida!
Ok!
Controlla l'email!
Utente non attivato! Clicca nel link di conferma che ti è stato inviato via email!
Mmm... sicuro di quello che fai?
Sei già nella newsletter di Essere Animali!
Si è verificato un errore!