Nuovo report: le sofferenze dei pesci catturati nel loro habitat naturale

© Essere Animali

Stai leggendo:

Nuovo report: le sofferenze dei pesci catturati nel loro habitat naturale


Ti interessa l'articolo?

Iscriviti

Caterina Pavese
Corporate relations specialist

Un nuovo report di Eurogroup for Animals espone le innumerevoli problematiche che la pesca di cattura selvatica comporta per il benessere di milioni e milioni di pesci strappati ogni anno a mari e oceani, mettendo in luce l’indiscutibile crudeltà dell’industria ittica.

Si intitola Catching Up: Fish Welfare in Wild Capture Fisheries lo studio pubblicato da Eurogroup for Animals, che per la prima volta analizza nel dettaglio le terribili conseguenze che la pesca di cattura, principalmente di natura intensiva e industriale, ha sulla vita dei pesci selvatici. Questo tipo di cattura avviene principalmente per due finalità: il consumo umano diretto o indiretto – ossia per produrre farina e olio di pesce, ingredienti molto comuni nei mangimi utilizzati nel settore zootecnico.

La lunga agonia dei pesci vittime della pesca

Malgrado il numero stimato di pesci selvaggi pescati ogni anno superi la spaventosa cifra di un trilione di singoli individui, l’infinita sofferenza di cui questi animali sono vittime a causa delle attività legate alla pesca commerciale è ancora largamente ignorata. Il silenzio attorno al loro sfruttamento continua a persistere nonostante una vastissima letteratura scientifica dimostri che i pesci sono esseri senzienti in grado di percepire dolore e stress, oltre che a provare una gamma variegata di emozioni.

Dall’istante in cui vengono catturati fino al momento in cui sopraggiunge la morte, i pesci selvatici sono condannati a soffrire in una lunga serie di eventi dolorosi, frutto di pratiche di pesca dannose che costituiscono un pericolo costante per il loro benessere.

La cattura: la sofferenza della pesca intensiva

La sofferenza dei pesci causata dalla pesca in mare
La pesca in mare aperto, intensiva e industriale, causa sofferenza estreme ai pesci.
© Essere Animali

Durante il processo di cattura, che può durare ore o addirittura giorni interi, i pesci soffrono terribilmente poiché vengono ammassati in centinaia di migliaia all’interno di enormi reti dove possono morire schiacciati dal peso degli altri individui intrappolati. Subiscono gravi lesioni fisiche come abrasioni o danni oculari e alle pinne, e sono sottoposti a stress acuto e sfinimento estremo. Inoltre, i pesci immobilizzati dagli strumenti della pesca diventano più facilmente il bersaglio di altri predatori poiché non riescono a liberarsi e fuggire di fronte al pericolo di attacchi mortali.

Lo sbarco

L’agonia dei pesci continua una volta trasportati e scaricati a bordo del peschereccio. Operazioni di manipolazione quali la rimozione dell’amo o degli individui impigliati tra le maglie delle reti provocano ulteriori ferite e stress ad animali ancora perfettamente coscienti. La scorsa estate abbiamo pubblicato un’indagine sulla brutale pesca con l’arpione nelle acque del Sud Italia, durante la quale i nostri investigatori hanno ripreso la straziante estrazione degli uncini dal corpo martoriato di un esemplare di pesce spada ancora vivo.

La macellazione dopo la pesca in mare

La sofferenza dei pesci causata dalla pesca in mare dopo la cattura
Manipolazioni e uccisioni: ecco cosa subiscono i pesci dopo che sono stati pescati.
© Essere Animali

I pesci che sopravvivono alla cattura e allo sbarco sono costretti a subire torture atroci al momento dell’uccisione. Nella pesca di cattura selvatica, infatti, non viene utilizzato un metodo di macellazione specifico: nella maggior parte dei casi la morte avviene in maniera accidentale durante il processo di cattura o di lavorazione. Asfissia, immersione in una poltiglia di acqua e ghiaccio, dissanguamento e decapitazione sono i metodi più comunemente impiegati dall’industria della pesca, ma considerati inaccettabili in quanto fonte di terribili sofferenze per i pesci, ai quali non viene minimamente garantito uno stordimento efficace.

Anche i pesci allevati muoiono dolorosamente

Ai pesci allevati viene riservata la stessa dolorosa sorte al momento dell’uccisione. Nelle nostre numerose indagini negli allevamenti ittici di Italia e Grecia abbiamo documentato pratiche di stordimento assenti o inefficaci e tecniche di macellazione cruente, a causa delle quali i pesci troppo spesso agonizzano per interminabili minuti prima di morire dolorosamente.

Per questa ragione abbiamo lanciato la campagna #AncheiPesci, la quale ha un duplice obiettivo: da un lato sensibilizzare l’opinione pubblica sulle condizioni critiche in cui versano i pesci negli allevamenti intensivi; dall’altro fare pressione sulla Grande distribuzione organizzata (Gdo) affinché questa si impegni a ridurre la sofferenza dei pesci allevati nelle loro filiere.

In azione a Milano per sensibilizzare le persone sulla sofferenza dei pesci.
© Essere Animali

Una sofferenza evitabile

É evidente che la pesca di cattura, proprio come tutte le altre attività che comportano lo sfruttamento illimitato degli animali a scopo alimentare, è fonte di dolore sconfinato per i pesci selvaggi, i quali meritano di essere difesi e protetti. Adottare un’alimentazione a base vegetale è un primo importante passo che nell’immediato può risparmiare inutili sofferenze a questi incredibili animali dalle doti straordinarie.

È necessario rivedere la nostra alimentazione per tutelare e salvaguardare gli animali e per mettere al sicuro la salute globale. Scopri come farlo al meglio!

Ti è piaciuto l'articolo?

Sostieni EA con una piccola donazione regolare

Già 30 persone hanno scelto di donare 2€. Tanti piccoli aiuti possono fare la differenza.

Dona 2€
al mese

Fai ancora di più

Sostieni l'informazione di Essere Animali

Per:

Donazione mensile di 2€

Se hai dubbi o problemi nella donazione scrivici.

Questo campo è obbligatorio!
Inserire almeno %s caratteri!
Non inserire più di %s caratteri!
Inserisci una data valida!
Inserisci un numero di telefono valido!
Inserisci un CAP valido!
Inserisci un codice fiscale valido!
Inserisci una partita IVA valida!
Devi accettare la normativa sulla privacy!
Si è verificato un errore! Ricontrolla i campi.
Utilizza un Nickname valido!
Password non valida!
• almeno 1 carattere speciale (-_@#$%)
• almeno 1 numero
• almeno 1 carattere maiuscolo
• almeno 1 carattere minuscolo
• lunga almeno 6 caratteri
• più corta di 20 caratteri
Le due password inserite non coincidono!
Non valida!
Non valida!
Ok!
Controlla l'email!
Utente non attivato! Clicca nel link di conferma che ti è stato inviato via email!
Mmm... sicuro di quello che fai?
Sei già nella newsletter di Essere Animali!
Si è verificato un errore!

CON IL 5×1000
IL SUO FUTURO LO SCRIVI TU

DONA IL 5×1000
A ESSERE ANIMALI

Sostienici a costo zero. Usa il codice fiscale:
976 762 00153

Scopri come
Chiudi