Vittoria! Abbiamo chiuso l’allevamento degli orrori

maiali maltrattati
© Essere Animali

Stai leggendo:

Vittoria! Abbiamo chiuso l’allevamento degli orrori


Ti interessa l'articolo?

Iscriviti

Simone Montuschi
Presidente di Essere Aniamali

Ha chiuso l’allevamento di maiali dove nel 2018 il nostro investigatore sotto copertura filmò, con una telecamera nascosta, terribili violenze inferte dal personale sugli animali, tra cui l’uccisione di una scrofa malata a martellate.

«Questa è una grande notizia, la dimostrazione che le investigazioni, le campagne e l’attivismo portano risultati concreti per gli animali!» Simone Montuschi, presidente di Essere Animali.

Sin dalla pubblicazione di questo straziante video, diffuso in prima serata anche sul Tg1 e rilanciato da quotidiani e agenzie stampa nazionali, il nostro obiettivo è stato quello di chiudere l’allevamento.

Oggi siamo certi che quei capannoni dove prima venivano picchiati anche maialini di pochi giorni di vita sono finalmente vuoti. Alla struttura non risulta assegnato nemmeno il codice aziendale necessario per proseguire l’attività di allevamento di qualsiasi specie animale considerata da reddito. Tutti insieme abbiamo contribuito a tenere alta l’attenzione su questo caso che ha scosso l’Italia, condividendo il video, firmando la petizione e partecipando alla manifestazione.

La chiusura dell’allevamento

La scelta di chiudere è stata del titolare dell’azienda ma, dati alla mano, questa decisione è stata presa in seguito alla pubblicazione dell’investigazione con cui abbiamo svelato le violenze, e alla successiva campagna per chiudere l’allevamento. Infatti, dagli atti recentemente ricevuti dal Dipartimento di Prevenzione, Servizio Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche dell’Azienda Sanitaria Unica Regionale delle Marche, risulta che l’allevamento abbia chiuso dopo aver inviato al macello gli ultimi maiali che erano già stabulati al momento della diffusione del terribile filmato.

maiale maltrattato in allevamento intensivo
Il nostro investigatore documentò scene di puro maltrattamento, come il sollevamento dei maiali per le orecchie durante le fasi di spostamento degli animali.
© Essere Animali

L’investigazione nell’allevamento degli orrori

Oltre all’uccisione della scrofa, deceduta dopo 30 minuti di agonia in seguito a numerose martellate in testa, il video girato dal nostro investigatore sotto copertura, assunto come operaio in un allevamento situato a Senigallia (AN) e fornitore del Prosciutto di Parma, documenta violenze inaudite compiute sugli animali.

Le immagini mostrano l’utilizzo del taser elettrico su maiali malati impossibilitati a muoversi, manipolazione cruenta degli animali durante gli spostamenti – con i suinetti più piccoli letteralmente lanciati e quelli adulti colpiti nel muso con sbarre di ferro – e la presenza di centinaia di cadaveri, lasciati all’aperto e accumulati in secchi, in spregio alle norme sanitarie. Eloquente e drammatica la scena in cui alcuni operai dell’allevamento, estranei alle violenze, protestano pe­r il trattamento inferto agli animali.

La campagna per chiuderlo

L’investigazione ebbe un’ampia risonanza mediatica e le immagini divennero in breve tempo virali. Nei giorni successivi vi furono due interrogazioni parlamentari (Brambilla 4-01560; Frassinetti 4-01482) e una regionale (Giancarli n.691), e anche l’allora Ministro della Salute Giulia Grillo condannò le violenze filmate dal nostro investigatore. Nei giorni successivi organizzammo una grande manifestazione in piazza a Senigallia e lanciammo una petizione per chiedere alle istituzioni di revocare subito le autorizzazioni all’allevamento, oggi firmata da oltre 280 mila persone.

In seguito alla denuncia, i Carabinieri Forestali competenti per territorio effettuarono un blitz nell’allevamento, sequestrando la mazza utilizzata per uccidere la scrofa, diversi taser usati al di fuori della normativa vigente, i tubi di ferro con cui venivano picchiati gli animali e gli strumenti per la castrazione dei suini, operazione eseguita da personale non abilitato e al di fuori dei periodi consentiti dalla legge.

«Per quanto riguarda il procedimento penale, il termine di legge per la conclusione delle indagini preliminari è scaduto. Ci attendiamo quindi presto aggiornamenti dalla Procura, tenuto conto che le attività degli uffici giudiziari sono state rallentate dall’emergenza sanitaria. Ci impegneremo perché siano riconosciuti i gravi maltrattamenti, inflitti ripetutamente, e sia fatta giustizia per gli animali» Alessandro Ricciuti, Responsabile Ufficio Legale di Essere Animali.

Chi ci conosce, chi segue Essere Animali sa bene che questa è solo una parte del nostro lavoro. Non vogliamo solo fermare i maltrattamenti, ma soprattutto confrontarci con la società, con istituzioni, aziende e cittadini sulla possibilità di iniziare a costruire un mondo in cui anche agli animali sia riconosciuto il diritto a vivere liberi, senza essere sfruttati e uccisi.

Intanto, un grande risultato è stato raggiunto. L’allevamento degli orrori ha chiuso, i capannoni sono vuoti, non vi sono più animali sottoposti a violenze, grida e paura.

Non è il primo allevamento che riusciamo a chiudere in seguito alla diffusione di un’investigazione strumento fondamentale per far luce sulle crudeltà inflitte agli animali negli allevamenti.

Grazie a chi ha firmato la petizione, agli attivisti e attiviste. Al nostro investigatore sotto copertura che ha realizzato un lavoro rischioso ed emotivamente difficile con rara professionalità e a tutti i nostri sostenitori, senza i quali non sarebbe stato possibile il raggiungimento di questo importante obiettivo.


Ti è piaciuto l'articolo?

Sostieni Essere Animali con una piccola donazione regolare

Tanti piccoli aiuti possono fare la differenza.

Dona 2€
al mese

Fai ancora di più

Sostieni l'informazione di Essere Animali

Donazione mensile di 2€

Se hai dubbi o problemi nella donazione scrivici.

Questo campo è obbligatorio!
Inserire almeno %s caratteri!
Non inserire più di %s caratteri!
Inserisci una data valida!
Inserisci un numero di telefono valido!
Inserisci un CAP valido!
Inserisci un codice fiscale valido!
Inserisci una partita IVA valida!
Devi accettare la normativa sulla privacy!
Si è verificato un errore! Ricontrolla i campi.
Utilizza un Nickname valido!
Password non valida!
• almeno 1 carattere speciale (-_@#$%)
• almeno 1 numero
• almeno 1 carattere maiuscolo
• almeno 1 carattere minuscolo
• lunga almeno 6 caratteri
• più corta di 20 caratteri
Le due password inserite non coincidono!
Non valida!
Non valida!
Ok!
Controlla l'email!
Utente non attivato! Clicca nel link di conferma che ti è stato inviato via email!
Mmm... sicuro di quello che fai?
Sei già nella newsletter di Essere Animali!
Si è verificato un errore!