Non solo coronavirus: negli allevamenti si creano epidemie pericolose per l’essere umano

Scritto il 11 Febbraio 2020
sovraffollamento dei polli

La recente emergenza relativa al coronavirus, a oggi tutt’altro che debellata, riporta a galla la questione delle malattie contratte dagli animali e trasmissibili all’essere umano.

Capannoni con migliaia di animali stipati al loro interno, pessime condizioni igieniche e utilizzo indiscriminato di farmaci. Gli allevamenti intensivi rappresentano il terreno ideale per la nascita e la propagazione di malattie difficilmente gestibili.

Tornano d’attualità aviaria e peste suina

polli ammassati in un capannone

📷 Negli allevamenti decine di migliaia di polli vengono stipati con una densità prevista dalla legge di 20 animali ogni metro quadrato. In queste condizioni la diffusione di eventuali epidemie è inarrestabile. © Tras lor Muros – Essere Animali

Ormai è una certezza. Sempre più frequentemente si verificano casi di malattie contratte dagli animali e trasmesse all’essere umano. Il nuovo ceppo di coronavirus, proveniente dalla Cina e concentrato maggiormente nella provincia di Wuhan, è l’argomento caldo degli ultimi mesi. Scaturito, pare, dal mercato locale dei molluschi e dagli allevamenti presenti in zona, ha già provocato 1000 morti e contato alcune migliaia di contagi.

Ma le epidemie sviluppate negli allevamenti intensivi sembrano incontrollabili nel loro insieme.
Torna d’attualità l’aviaria, che ha visto più volte coinvolta anche l’Italia. Poco preoccupante per l’essere umano, se non per le persone a stretto contatto con gli uccelli, ogni volta è causa di morte per decine o addirittura centinaia di migliaia di animali (polli e galline su tutti).

LEGGI ANCHENegli allevamenti intensivi gli animali sono alla mercè di virus e batteri

Mette sempre molta paura, invece, la peste suina, malattia virale che colpisce maiali e cinghiali, causandone la morte. Manifestatasi più volte nell’ultimo decennio, questa piaga ha di recente trovato sfogo in Cina, leader mondiale per l’allevamento suino. Negli ultimi mesi, lo stesso paese ha visto coinvolti oltre 150 milioni di maiali.
Mentre a livello globale, solo nel 2019, un quarto dei maiali è stato ucciso dalla malattia. È di qualche giorno fa la notizia, a Padova, di un carico sequestrato e incenerito. Si trattava di 10 tonnellate di carne, potenzialmente contaminate e quindi molto pericolose.

La minaccia dell’antibiotico resistenza

antibiotico somministrato a un maiale

📷 L’Italia si posiziona tra i primi tre paesi per l’utilizzo di antibiotici negli allevamenti. Almeno il 70% (dati EMA, Agenzia Europea per i Medicinali) degli antibiotici venduti è destinato agli animali. © Essere Animali

Purtroppo l’unica contromisura presa per tentare di limitare le pandemie è l’uso di farmaci. Questa pratica però ci si sta ormai rivoltando contro. Il fenomeno per cui alcuni batteri sviluppano una resistenza agli antibiotici che utilizziamo per curarci, è conosciuto come antibiotico resistenza. Negli allevamenti, dove l’uso di farmaci è costante e su larga scala, il processo subisce una pericolosissima accelerazione.

Non se ne parla mai abbastanza, ma secondo l’Oms si tratta di una delle maggiori minacce per la salute globale.
Delle 33.000 morti da resistenza agli antibiotici che si verificano ogni anno in Europa, circa 10.000 avvengono in Italia, che detiene il primato di questa preoccupante classifica (dati Iss: Istutito Superiore di Sanità).

LEGGI ANCHEDai farmaci in allevamento all’antibiotico resistenza

Quella delle epidemie e dell’antibiotico resistenza sono due problemi enormi complementari tra loro. Si tratta di emergenze che non possiamo più permetterci di ignorare.

È necessario rivedere la nostra alimentazione non solo per tutelare e salvaguardare gli animali, ma anche per mettere al sicuro la salute globale.