Parla la CNN: un’alimentazione a base vegetale riduce fortemente le emissioni di gas serra

Scritto il 19 Dicembre 2018
Condividi su
Mucche

C’è chi non ha minimamente a cuore la sofferenza degli animali. C’è chi dice che non gli interessano gli effetti cancerogeni della carne. Nessuno ormai può però sostenere che l’enorme impatto della zootecnia sull’ambiente sia una falsità o una questione marginale.

Sempre più osservatori autorevoli riportano i dati e i numeri degli allevamenti e ne traggono le logiche conclusioni. CNN, Lancet, Science, lo dicono tutti: meno carne per il bene del pianeta.

carne rossa

La CNN, ben nota emittente televisiva americana, ha di recente pubblicato un articolo che mette in luce come nonostante la produzione di carne abbia conseguenze molto negative per l’ambiente, se ne produca sempre di più. Oltre a ricordare come gli allevamenti producano il 14,5% di emissioni globali di gas serra (dati FAO, ma secondo alcune stime che includono anche i sottoprodotti e le fasi di trasporto si parla del 51%) la CNN riporta i dati di una ricerca pubblicata su Science e diffusi anche da Lancet, la nota rivista inglese di medicina.

QUI PER APPROFONDIRE I DATI PUBBLICATI SU SCIENCE

Nell’articolo viene ricordato come uova, latte, carne, itticoltura impattino sull’83% dei terreni usati per produrre cibo, sul 58% delle emissioni del settore food, apportando però solamente il 37% delle proteine e il 18% delle calorie assunte normalmente dai consumatori. A fronte di questi e altri dati riportati nel video qui sotto, la CNN conclude in questo modo:

«… una dieta priva di prodotti animali ha enormi benefici ambientali.»

La carne aumenta le spese mediche

Nella pubblicazione di Lancet si affronta anche un altro tema: il costo in salute. Non si parla di un costo astratto, ma di soldi veri. Secondo un recente studio le spese mediche direttamente imputabili agli effetti negativi del consumo di carne rossa e trasformata saranno 285 miliardi di dollari nel 2020 – ovvero lo 0,3% del PIL mondiale – e i decessi il 4% del totale.

Lancet sottolinea l’importanza di ridurre l’apporto di carne nell’alimentazione e suggerisce interventi concreti. Una tassa mirata sulla carne e una più attenta distribuzione dei sussidi all’agricoltura sono misure che gli stati potrebbero mettere in campo fin da subito per incentivare un cambiamento nei consumi.

È ora che la politica globale riconosca il problema e faccia la sua parte con strumenti adeguati per affrontarlo, così come si fronteggia l’inquinamento dei trasporti e di altri settori.

Il tuo 5+1000
salva gli animali

Sostieni a costo zero

Il tuo 5+1000
salva gli animali

investigazioni, denunce e campagne
Usa il CF 976 762 00153

Scopri come