Dopo 60 anni CHIUSO l’allevamento di visoni di Fossoli!

Scritto il 10 Dicembre 2018

Esattamente tre anni fa eravamo incatenati sui tetti dei capanni dentro quell’allevamento a Fossoli, in provincia di Modena, lo abbiamo occupato per più di mezza giornata. Si trattava di una potente azione di protesta per portare alla luce le sofferenze dei visoni nelle gabbie e per impedire la loro uccisione nelle camere a gas, di cui hanno parlato tutti media e Tg.

Siamo stati per ore vicini a quegli animali, costretti in minuscole gabbie di rete metallica e destinati a una morte orribile, e la notizia della chiusura di questa struttura ci rende enormemente felici.

Le motivazioni, confermate dallo stesso allevatore, sono da collegarsi alla crisi globale del settore della pellicceria e alle difficoltà ad allevare una specie alloctona come i visoni, per il potenziale rischio ambientale in caso di fughe o liberazioni di animali.

Guarda il video della nostra azione

È il momento giusto per una legge nazionale

Due proposte di Legge che vieterebbero questi allevamenti sono già state depositate e assegnate alla Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati e chiediamo che vengano discusse con urgenza.

In Italia sono ancora attivi circa venti allevamenti di visoni, per una produzione annua di 160.000 pelli. Già 12 paesi dell’Unione Europea li hanno vietati, alcuni anche con produzioni molto più importanti di quella italiana.

 

Da anni ci battiamo per l’abolizione di questa pratica crudele e in occasione delle scorse elezioni abbiamo contattato i partiti politici chiedendo di sottoscrivere un impegno a vietare gli allevamenti di animali da pelliccia. Hanno risposto positivamente all’appello Movimento 5 Stelle, Forza Italia, Partito Democratico, Liberi e Uguali e Fratelli d’Italia.

Ora è necessario che gli impegni siano mantenuti e che anche in Italia sia introdotto un divieto che porti alla chiusura di tutte le altre strutture. Per questo torneremo a breve a farci sentire. La campagna non si ferma fino a quando il divieto non sarà legge!

La nostra ultima indagine

Il futuro della moda è senza pellicce

Negli ultimi anni stilisti di fama mondiale le hanno bandite dalle proprie collezioni, tra questi Armani, Gucci, Versace, Furla, Jean Paul Gaultier e molti altri. Il futuro della moda è basato sulle alternative sintetiche, oramai indistinguibili dalla pelliccia vera. 

Anche grazie a questa presa di posizione sulle passerelle il settore di allevamento dei visoni è in crisi e vede un futuro sempre più difficile. Pare proprio che la moda del futuro sarà senza pellicce.

UNISCITI A NOI! PARTECIPA ALLE AZIONI IN DIFESA DEGLI ANIMALI