Progresso! Anche l’Italia eliminerà il circo con animali

Scritto il 8 novembre 2017

Non è stata ancora decisa una data in cui gli animali dovranno essere fuori dai circhi italiani, ma il Parlamento oggi ha preso un impegno davvero importante.
Con la maggioranza dei voti è stato approvato il nuovo Codice dello Spettacolo che tra le altre cose impone un “graduale superamento” dell’utilizzo degli animali per le attività circensi e gli spettacoli viaggianti.


Il testo del Codice, proposto dal Ministro Franceschini, ha purtroppo subito nel corso dei lavori alcune modifiche, resistendo comunque agli attacchi peggiori, quelli che volevano togliere qualunque riferimento ad un circo senza animali. Nelle precedenti votazioni dalla “graduale eliminazione” si è passati a un “graduale superamento”. Una questione forse solo di parole, ma che potrebbe rallentare il processo di liberazione degli animali da spettacoli degradanti e una vita contraria alla propria etologia.

Non possiamo ancora cantare vittoria, ma quello di oggi è comunque un progresso notevole.

Il prossimo passo adesso tocca al Governo, attuale o prossimo, che entro la fine del 2018 dovrà indicare con un Decreto Legislativo tempi e modi dell’uscita degli animali dai circhi.

Noi l’abbiamo sempre detto: il vero spettacolo è la libertà. E finalmente l’Italia dopo anni di battaglie, e con il 70% della popolazione che si dichiara contraria al circo con animali, sta per entrare a far parte delle decine di nazioni che in tutto il mondo hanno fatto questo progresso civile.

Ora sarà compito delle associazioni per i diritti degli animali e di tutti i cittadini controllare che le istituzioni rispettino l’impegno preso, che il passaggio a un circo davvero umano avvenga il prima possibile e che si trovi una collocazione adatta per dare finalmente agli animali una vita dignitosa