Ancora un volta in TV gli allevamenti intensivi

Scritto il 10 maggio 2016
maiali_allevamento_essereanimali

Crediamo che il primo passo per fermare l’orrore sia renderlo visibile. È questo il motivo che ci spinge a documentare e mostrare a più persone possibili le condizioni in cui vengono allevati, utilizzati e uccisi gli animali. Perché siamo sicuri che certe immagini valgono più di mille parole.

E ieri sera ci siamo riusciti ancora una volta, portando immagini inedite e molto forti su La7, durante il noto programma Piazzapulita, seguito da quasi 1 milione di persone.

Il Team investigativo di Essere Animali ha accompagnato la giornalista Sara Giudice in un viaggio all’interno di alcuni allevamenti intensivi. Per far vedere come vivono milioni di maiali, conigli, polli, mucche e vitelli. Per portare luce in un mondo oscuro e sconosciuto.
Tra le scioccanti immagini mostrate ieri sera, anche quelle di un allevamento di conigli nel forlivese che abbiamo prontamente denunciato per le gravissime condizioni in cui versano gli animali.

Guarda il servizio

A meno di un mese dallo SpecialeTg1 che ha visti protagonisti gli animali e il nostro attivismo, abbiamo ancora acceso un dibattito necessario, partendo da immagini esclusive e reali. Quelli che abbiamo mostrato per l’ennesima volta in TV sono i luoghi da cui viene il 90% dei prodotti animali sul mercato. Non sono eccezioni, ma una terribile norma, di cui purtroppo ancora troppe persone non sono a conoscenza.

Perchè crediamo sia così importante?

Solo la consapevolezza permette di fare delle scelte. E la consapevolezza su un tema come quello dei diritti degli animali la si crea in molti modi, uno di questi sicuramente rendere noto e discusso ciò che accade ben nascosto dietro le quinte. Nel frattempo la presa di coscienza è tangibile. Con quasi 1 italiano su 10 che non mangia più carne e un crollo delle vendite di pellicce, latticini e carne di maiale, possiamo dire che sempre più persone stanno iniziando un percorso verso un mondo dove gli animali non siano più rinchiusi in gabbia, considerati oggetti o trasformati in prodotti di vario tipo.

Ci rende felici sapere che stiamo facendo la nostra parte in questo cammino verso un mondo migliore.