Una sola voce per un circo senza animali


Simone Montuschi
Presidente

UNA SOLA VOCE PER UN CIRCO SENZA ANIMALI

Il circo è arrivato in città. Uno tra i più famosi in Italia. Uno dei tanti accomunati ancora dall’utilizzo di animali, come se prigionia, sfruttamento, apatia fossero sinonimi di allegria, magia, applausi. In fondo sono queste le parole che compaiono sulle locandine e cartelli pubblicitari del circo.

8202595201_52189a7efd_o-2

____________________________________________________________________

Una prescrizione inaspettata

Inoltrata la comunicazione alla Questura, iniziamo a diffondere e promuovere l’iniziativa come di routine. Dopo qualche giorno una telefonata ci informa che il presidio davanti al circo non si potrà fare.
Una nuova disposizione della Questura di Brescia vieta qualsiasi manifestazione animalista nei pressi del circo. Attraverso una prescrizione ci indicano il luogo idoneo della protesta: un parcheggio di un centro commerciale a circa due chilometri di distanza. Una proposta inaccettabile, ne discutiamo urgentemente insieme e troviamo un’alternativa al solito presidio statico davanti al tendone.

12

Quindi diamo un nuovo appuntamento. Il presidio si terrà in Piazza della Vittoria in pieno centro storico. Così ci troviamo in piazza, con cartelli alla mano, pronti a distribuire volantini e a coinvolgere i passanti invitandoli a farsi fotografare tenendo in mano dei fumetti: «Voglio un circo senza animali» e «Il circo con animali non mi piace! ».

13 14

Frasi semplici ma dirette. Decine di persone hanno preso parte alla nostra iniziativa, dai più piccoli ai più grandi, decine di persone si sono schierate dalla parte degli animali.

Obiettivo raggiunto!

FH0A6833 15 16

Guarda QUI tutta la galleria fotografica

Considerato l’impedimento iniziale, avremmo potuto rinunciare al presidio.
Invece no, è stato allo stesso modo importante essere presenti in centro città, svolgendo un attivismo ‘preventivo’ per invitare i passanti a non andare al circo e dare uno spunto di riflessione sul tema dello sfruttamento degli animali per scopi d’intrattenimento.

Cogliamo l’occasione per ringraziare tutte le persone che hanno reso possibile questa bellissima iniziativa.
Insieme siamo stati un’unica voce, perché il vero spettacolo è la libertà!