Antegnate: negato il permesso, ma i visoni ci sono già


Simone Montuschi
Presidente

Avremmo voluto esultare. Perché dopo il corteo di sabato 7 febbraio abbiamo saputo che il Comune di Antegnate ha negato a Finetti il permesso di costruire il suo allevamento di visoni. Pensavamo questo avrebbe posto fine al progetto o perlomeno tra ricorsi vari avrebbe ritardato il tutto di molto tempo ancora.

Non entro nel merito politico ed etico della questione sollevata dagli animalisti: mi basta che dal punto di vista tecnico e amministrativo quell’allevamento lì non può stare, perchè è troppo vicino al centro abitato, in contrasto con le norme del Piano di governo del territorio. Quell’edificio non è inoltre adatto, essendo praticamente fatiscente”, ha dichiarato il Sindaco Lanzini sul Giornale di Treviglio dopo la conferenza dei servizi, in cui Comune e Ufficio Tecnico si sono messi di traverso al progetto di allevare animali da pelliccia nel paese.

DSC_0104-©-Giovanna-Intra

E invece eccoci qui con una triste notizia: Finetti prima ancora di avere la risposta del Comune aveva già messo gabbie e animali dentro la sua stalla, che ha circondato di allarmi e da cui si sente chiaramente l’odore. E adesso si trova con un allevamento attivo a cui è stato negato il permesso di aprire. Un paradosso che fa parte di una strategia già utilizzata da altri allevamenti di visoni per accellerare i tempi e forzare la mano in caso il Comune crei problemi, per imporsi con un metodo illecito che alla fine porta in molti casi solamente ad una multa. Una strategia che sembrerebbe quasi essere consigliata da chi ha interesse personale nel moltiplicarsi di questa attività, considerata da abolire dal 90% degli italiani.

Da parte nostra faremo tutto il possibile affinché l’allevamento venga smantellato, così come prevede anche la decisione del Comune. Ci stiamo muovendo dal punto di vista legale, ma sapremo anche farci sentire con una nuova protesta sabato 21 febbraio.

Adesso è il momento di essere tanti e decisi.
I visoni sono già ad Antegnate, ma non ci devono rimanere. Parola d’ordine: l’allevamento è da smantellare, subito!

APPUNTAMENTO SABATO 21 FEBBRAIO
Ore 15.00 davanti a Cascina San Rocco, ss 11 Rivoltana – Antegnate (BG)