Mega-macello di Manerbio, probabile rinuncia al progetto


Simone Montuschi
President

409720_10151572222967454_429668228_nAltre volte vi abbiamo comunicato aggiornamenti sull’eventuale realizzazione di un gigantesco macello di maiali a Manerbio (BS), progettato per uccidere 12.000 maiali ogni giorno e sulla campagna portata avanti dal Coordinamento contro il Mega Macello. E’ di qualche giorno fa la notizia positiva di una sempre più probabile rinuncia, da parte del gruppo valtellinese Bresaole Pini, al progetto presentato circa un anno fa.

“Troppi ostacoli burocratici e troppo poco sostegno”, affermano i vertici dell’azienda commentando il mancato entusiasmo dei politici locali per lo più giustificato da problemi di impatto ambientale.

Accogliamo con felicità questa notizia ma non possiamo che condividere l’invito del Coordinamento contro il Mega Macello a non abbassare la guardia.
Gli interessi economici della Bresaole Pini sono enormi. L’azienda possiede altri mega macelli in Ungheria e in Polonia ed è disposta ad investire milioni di euro nell’industria della carne.

Il fatto che il macello non sorga a Manerbio non impedisce che questa struttura possa essere realizzata altrove. L’Emilia, dove vi sono alcuni macelli locali in difficoltà economica che potrebbero essere rilevati, o altri paesi esteri sono proposte nominate dalla stessa ditta.

Vi invitiamo a seguire gli aggiornamenti della campagna.

___________________________________________________________________________________________

Fonte: Il Giornale di Brescia

Notizie associate:
Una sofferenza che consuma troppa acqua
Coordinamento contro il mega macello video e corteo

Approfondimenti:
La carne dei maiali