Azioni e Proteste

Dai più semplici infopoint, passando per cortei, azioni dimostrative e fino ad arrivare alle liberazioni di animali e alla disobbedienza civile, utilizziamo ogni modo che possa scalfire il silenzio nel quale gli animali vengono ridotti a prigionieri e uccisi.

Quella che segue è solo una piccola parte del nostro attivismo per gli animali.
Se vuoi esserne parte anche tu Attivati e Sostienici


Fossoli (MO) – 30 novembre 2015
Occupato un allevamento di visoni

Ci siamo introdotti all’interno di un allevamento di visoni della privincia di Modena per occupare la struttura. In pochi minuti due persone sono salite sul tetto e altre quattro si sono incatenate sotto alle gabbie che contengono gli animali. Questa eclatante azione pacifica è durata circa 5 ore ed è stata realizzata dai nostri attivisti per impedire l’uccisione dei visoni, che proprio nel periodo di novembre/dicembre, sono destinati ad essere soffocati nella camera a gas. Questo gesto per chiedere al Governo di abolire con urgenza gli allevamenti di animali da pelliccia, obiettivo della nostra campagna Visoni Liberi.

Leggi le testimonianze delle attiviste e degli attivisti che hanno occupato l’allevamento:


 

Milano – 23 ottobre 2015
Flash mob davanti a Eataly contro la vendita di Foie Gras

 

eataly

Foto: Francesco Castaldo / Essere Animali

Abbiamo realizzato un flash mob per chiedere a Eataly, presente in Italia con numerosi punti vendita, di cessare la distribuzione di Foie Gras, un cibo ottenuto sottoponendo gli animali a prolungate sofferenze. Questa protesta fa parte della campagna #ViaDagliScaffali, che chiede a tutta la grande distribuzione di cessare l’importazione e la vendita di foie gras, lanciata dopo una nostra investigazione all’interno di allevamenti e macelli francesi


 

Pisa – 4 aprile 2015
Flash mob alla Torre di Pisa per una #PasquaSenzaSangue

 

Pisa

Abbiamo ‘liberato’ sotto la Torre Pendente un gregge di agnelli, un Flash mob davanti a uno dei simboli dell’Italia nel mondo, per rappresentare il desiderio di vivere che è presente in tutti gli animali e per invitare le persone a scelte alimentari etiche e consapevoli. 50 sagome che sono a loro volta il simbolo di tutti gli agnelli e capretti che ancora cuccioli vengono strappati alle loro madri per essere uccisi nei macelli. Un’azione semplice ma efficace, che è stata diffusa da quotidiani e agenzie stampa nazionali portando visibilità al recente video con cui abbiamo documentato l’uccisione degli agnelli in uno stabilimento italiano.


 

Rimini – 28 marzo 2015
Protesta per l’apertura del delfinario,
con le mani blu perché #Lalorocasaèilmare

Continua la mobilitazione per chiedere la chiusura definitiva di questa struttura: 150 attivisti provenienti da tutta Italia hanno manifestato il proprio dissenso contro gli spettacoli con animali e contro il delfinario di Rimini che anche quest’anno esibisce tre leoni marini, nonostante il trascorso del sequestro di 4 delfini (primo caso in Europa) e il NO alla licenza di giardino zoologico. Con le mani dipinte di blu abbiamo rappresentato il colore del mare, unica vera casa per gli animali che sono rinchiusi nella piccole vasche del Delfinario di Rimini.

 

Il servizio del TG3 Regione



 

BOLOGNA – 1 MARZO 2015
Chiuse in una camera a gas – protesta contro le pellicce

Abbiamo simulato la morte per soffocamento dei visoni allevati per la loro pelliccia a pochi giorni dalla diffusione di una nuova indagine in cui documentiamo, con telecamere nascoste, il drammatico momento dell’uccisione dei visoni negli allevamenti italiani. Con questa azione abbiamo cercato di “rappresentare l’irrappresentabile” – ovvero la lenta e vera agonia dei visoni – con una performance che è stata diffusa anche da importanti quotidiani, dando visibilità alla condizione di questi animali.

L’azione è parte della campagna Visoni Liberi, con cui chiediamo al Governo di porre fine a queste crudeltà e vietare l’allevamento di animali cosiddetti ‘da pelliccia’.

IL VIDEO:


> Guarda anche la galleria fotografica

ANTEGNATE – 7 FEBBRAIO 2015
Corteo contro l’apertura di un allevamento di visoni

In centinaia abbiamo manifestato nella bassa bergamasca per dire NO ad un nuovo allevamento di visoni ad Antegnate (BG) e per chiedere l’abolizione di questa pratica su tutto il territorio nazionale.

Nel campo adiacente la cascina dove dovrebbe sorgere l’allevamento, abbiamo composto con dei cartelli un’enorme sagoma di visone visibile dell’alto insieme alla scritta “VISONI LIBERI”. Una immagine simbolo di come l’unione di molti possa realizzare qualcosa di veramente importante, di come attraverso una grande partecipazione raggiungeremo l’ABOLIZIONE di tutti gli allevamenti di animali da pelliccia.

IL VIDEO DEL CORTEO:


> Guarda anche la galleria fotografica

ANCONA – 7 DICEMBRE 2014
Protesta d’impatto per la Giornata Internazionale per i Diritti Animali

Per la prima volta nelle Marche abbiamo realizzato un’azione dimostrativa di forte clamore, per portare all’attenzione dell’opinione pubblica il dramma degli animali sfruttati e uccisi nella nostra società. 50 attivisti hanno mostrato davanti al monumento del “Passetto”, uno dei luoghi simbolo della città, il corpo senza vita di un cucciolo di maiale trovato morto in un allevamento intensivo.

GLI ANIMALI HANNO DIRITTO DI VIVERE, questo il messaggio che cerchiamo di diffondere in tante regioni e che trova sempre più sostegno.

> Guarda la galleria fotografica e leggi il resoconto dell’azione dimostrativa

MILANO – 23 NOVEMBRE 2014
La prima VIDEOMOB in Italia per dire stop alle pellicce

50 attivisti muniti di tablet hanno riprodotto contemporaneamente lo stesso filmato di denuncia contro le pellicce in alcune delle vie più importanti della città simbolo della moda in Italia e nel mondo. Questo originale flashmob, realizzato per la campagna Visoni Liberi, ha ottenuto attenzione mediatica e mostrato a moltissime persone cosa si nasconde dietro alle pellicce e agli inserti, diffondendo le immagini esclusive che abbiamo ottenuto all’interno degli ultimi allevamenti di visoni rimasti attivi nel nostro paese.

> Guarda la galleria fotografica e leggi il resoconto della video.mob

MILANO, BRESCIA, BOLOGNA, ANCONA | 11, 12 OTTOBRE 2014
#salviamoicavalli – Azione dimostrativa

azione dimostrativa su carne di cavalloA seguito della pubblicazione dell’indagine ViaggiSenzaRitorno siamo scesi in strada per informare e denunciare ciò che si nasconde dietro la carne di cavallo. Abbiamo mostrato la nostra investigazione, distribuito migliaia di volantini, conosciuto tantissime persone e raccolto diverse centinaia di firme per vietare la macellazione dei cavalli.

> Guarda tutte le foto dell’iniziativa

MATTARELLO (TN)| 26 AGOSTO 2014
Azione per dire ancora una volta #IOSTOCONDANIZA

Abbiamo effettuato un’azione simbolica davanti al recinto dove vogliono imprigionare #Daniza, la mamma orsa colpevole di aver difeso i suoi cuccioli ferendo in modo non grave un cercatore di funghi nei boschi trentini.

Con questa azione abbiamo mostrato per la prima volta quel recinto elettrificato e reso visibile la differenza tra una gabbia grande circa due campi da calcio e una vita in libertà. Daniza nel 2013 ha vissuto in un’areale di più di 210 km quadrati e deve rimanere libera di viversi i boschi e accudire i propri cuccioli.

IL VIDEO DELL’AZIONE:

RIMINI | 26 AGOSTO 2014
Un’azione di disobbedienza civile per dire #nodelfinario

14690640717_2015e5bb68_zAttivisti di Essere Animali hanno interrotto lo spettacolo esponendo striscioni di protesta per dire ancora una volta #NODELFINARIO.
Un gesto di disobbedienza civile per chiedere la chiusura definitiva della struttura. Questa è stata un’azione a sorpresa, per dire no agli spettacoli con animali, che a Rimini avvengono perfino senza rispettare le leggi.

> Guarda la galleria fotografica

RIMINI | 21 GIUGNO 2014
Protesta contro la riapertura del Delfinario di Rimini

azione al delfinario di RiminiIl delfinario di Rimini dopo il sequestro dei delfini ha deciso di riaprire utilizzando altri animali. A sostegno della campagna contro questa prigione d’acqua abbiamo organizzato un flash mob davanti al Delfinario in collaborazione con il gruppo locale Basta Delfinari e con il supporto di numerose associazioni. Durante la protesta un NO gigante, sostenuto da 90 attivisti è stato realizzato sulla spiaggia di fianco al Delfinario.

> Guarda le altre foto dell’iniziativa

MILANO | 13 APRILE 2014
Azione dimostrativa contro la strage degli agnelli

azione dimostrativa contro la strage degli agnelliNella centralissima piazza del Duomo di Milano 50 attivisti ed attiviste hanno esposto i corpi senza vita di 4 agnellini morti all’interno di un allevamento intensivo. Un’iniziativa per sensibilizzare l’opinione pubblica verso la strage di agnelli che ogni anno si consuma nel periodo pasquale.

> Guarda la galleria fotografica

ROMA | 31 MARZO 2014
Azione di disobbedienza civile al Quirinale

azione al quirinale per chiudere allevamenti di visoniAbbiamo provato un’impresa ardita: mettere in scena una spettacolare azione di disobbedienza civile di fronte al Palazzo del Quirinale, a Roma, con lo scopo di chiedere l’abolizione degli allevamenti di animali da pelliccia.

> Guarda la galleria fotografica e leggi come è andata l’azione

LOMBARDIA – EMILIA ROMAGNA – VENETO | 15 FEBBRAIO 2014
Mobilitazione davanti agli allevamenti di visoni

protesta allevamenti di visoniAbbiamo organizzato per la prima volta una mobilitazione in contemporanea davanti a quattro allevamenti di visoni in tre diverse regioni italiane. Una protesta che ha voluto portare la nostra voce direttamente davanti a questi luoghi e dare così ampia visibilità alla prigionia dei visoni e alla loro uccisione per farne pellicce e per chiedere ancora una volta l’abolizione di questi luoghi di prigionia e sfruttamento.

Le proteste di questa mobilitazione si sono tenute a Villa del Conte (PD), con un corteo dal centro del paese fino all’allevamento di Caccaro Franco, a Fossoli (MO) con un breve corteo fino all’allevamento di Rossi Italo, e a Misano di Gera D’Adda (BG), con un primo presidio davanti all’allevamento Legramandi e un corteo nel paese per arrivare ad un nuovo allevamento, aperto recentemente da Capraro Filomena nello stesso comune.

> Guarda la galleria fotografica

15 CITTA’ ITALIANE | 24 GENNAIO 2014
I visoni vogliono stare in acqua, non in gabbia

azione a fontana di trevi contro allevamenti di animali da pellicciaAzione lampo in 15 città italiane in supporto della campagna Visoni Liberi, per l’abolizione degli allevamenti di animali da pelliccia.

Con le sagome di tre visoni poste dentro alle fontane più famose e rappresentative di 15 città (Roma, Milano, Firenze, Bologna, Modena, Parma, Brescia, Cremona, Bergamo Padova, Ferrara, Forlì, Ravenna, Pesaro e Ancona) abbiamo voluto dare un valore a queste semplici parole e proporre per l’ennesima volta un messaggio chiaro: gli animali vogliono essere liberi ed è ora di chiudere tutti gli allevamenti di visoni.

> Guarda tutte le fotografie dell’azione lampo

MODENA | 21 DICEMBRE 2013
200.000 motivi per dire NO! Corteo per l’abolizione degli allevamenti di visoni

Oltre 350 persone hanno sfilato per le affollate vie del centro di Modena. Ancora una volta siamo stati la voce dei 200.000 visoni rinchiusi e uccisi ogni anno negli allevamenti italiani. Dopo la vittoria conseguita nelle precedenti settimane, riuscendo a ottenere il ritiro del progetto per la costruzione di quello che sarebbe divenuto l’allevamento di visoni più grande d’Italia, dove sarebbero stati rinchiusi oltre 40.000 animali, abbiamo lo stesso voluto manifestare a Modena eleggendola per un giorno città simbolo della lotta per l’abolizione di tutti gli allevamenti di visoni in Italia.

> Guarda la galleria fotografica

IL SERVIZIO DEL TG1 SUL CORTEO:

BOLOGNA e MILANO | 8 DICEMBRE 2013
In piazza per la Giornata Mondiale per i Diritti Animali.

Nelle piazze principali delle due città, numerosi attivisti, hanno esposto cartelli raffiguranti fotografie tratte dai nostri lavori investigativi all’interno di quei luoghi, dove si manifesta lo sfruttamento degli animali.

Una protesta scenografica per far riflettere e svelare ancora una volta il vero volto dell’industria della carne del latte e delle uova.

> Guarda la galleria fotografica

DOVERA (CR) | 21 AGOSTO 2013
Giornata di protesta contro gli allevamenti di visoni

La Piazza del Municipio di Dovera è stata riempita per la prima volta con una presenza che voleva dare voce agli oltre 1.300 animali prigionieri nelle gabbie nell’allevamento di Moroni Giorgio presso Cascina Pomina.
Un appuntamento che dopo l’aggressione subita a ferragosto da parte di nostri attivisti ha generato molta attenzione sui media locali e regionali.

IL VIDEO:

MILANO | 13 Aprile 2013
Flash Mob Contro gli allevamenti di animali da pelliccia

Circa 30 attiviste e attivisti si sono dati appuntamento nel centro di Milano per mettere in atto un flash mob, ossia un atto dimostrativo inatteso per porre l’attenzione sulla campagna Visoni Liberi e sugli animali vittime dell’industria della pelliccia.
Le mani delle attiviste, poste davanti al petto, e rivolte verso i passanti, recavano la scritta VISONI LIBERI, mentre altri reggevano un cartello con l’obiettivo concreto della campagna: condurre all’abolizione totale della pratica dell’allevamento di questi animali.

> GUARDA l’album fotografico

BOLOGNA | 29 Marzo 2013
Azione dimostrativa contro la strage degli agnelli

Nella centralissima piazza del Nettuno, abbiamo mostrato pubblicamente i corpi senza vita di due agnellini, per svelare il vero volto della carne.
Un’iniziativa che ha avuto una grande ripercussione mediatica proprio durante questo periodo pasquale.
Riteniamo questo aspetto molto importante per cercare di sensibilizzare un numero sempre maggiore di persone, ma ci teniamo a puntualizzare ciò che ci ha spinto ad organizzare una manifestazione di questo tipo, per cui vi invitiamo a leggere QUI’ il vero volto della carne le nostre riflessioni.

> GUARDA l’album fotografico

MILANO | 29 MARZO 2013
Finti agnelli impiccati sull’albero di Cattelan

Alcuni anni fa tre pupazzi di bambini impiccati a quell’albero fecero un grande scalpore. Con una provocante azione simbolica abbiamo voluto far riflettere sulla differente reazione che si potrebbe avere nel vedere un piccolo agnello impiccato a un albero o vederlo come un pezzo di carne in una macelleria. Una semplice azione ripresa da decine di media regionali e nazionali.

> GUARDA l’album fotografico

CAPRALBA (CR) | 24 MARZO 2013
Corteo per l’abolizione degli allevamenti di visoni

Circa 200 persone hanno sfidato una pioggia battente per portare in corteo, a Capralba, la voce dei 20.000 visoni uccisi ogni anno nell’allevamento MI-FO di Giovanni Boccù, presidente AIAV (associazione italiana allevatori di visoni) e strenuo difensore del mercato fondato sul sangue di questi animali.
Questa è stata la prima iniziativa della campagna VISONI LIBERI dopo il lancio dell’investigazione “Morire per una pelliccia” e ha ricevuto un buon riscontro sui media locali e regionali.

> GUARDA l’album fotografico

IL VIDEO:

MILANO – BOLOGNA | 2 MARZO 2013
Prima giornata di mobilitazione in supporto alla campagna Visoni Liberi

Per questa iniziativa in contemporanea nelle principali piazze di Milano e Bologna, oltre un’ottantina di attivisti e attiviste si sono riuniti per mostrare la realtà degli allevamenti di animali da pelliccia.
Una duplice iniziativa in due diverse regioni che ha segnato l’inizio di questa campagna dopo l’uscita dell’investigazione “Morire per una pelliccia”, la prima negli allevamenti di visoni italiani.

> GUARDA l’album fotografico di Bologna
> GUARDA l’album fotografico di Milano

MILANO | 24 FEBBRAIO 2013
Azione sulle passerelle della Settimana della Moda

Come l’anno precedente una nostra attivista è riuscita a compiere il salto sulla passerella di Just Cavalli, brand “giovane” della casa di moda di Roberto Cavalli, strenuo sostenitore di ogni materiale prodotto con la prigionia e l’uccisione degli animali.
Poche ore più tardi è toccato a Prada dover fare i conti con chi gli vuole ricordare da dove vengono pelli e pellicce: un gruppo di attivisti si è sdraiato davanti all’ingresso principale dell’atelier di Prada, in via Fogazzaro, nel tentativo di bloccare, coi propri corpi, l’accesso al luogo della sfilata.

IL VIDEO:

MILANO | 20 Febbraio 2013
Azione contro Air France al BIT

La compagnia aerea franco-olandese nel mirino di un’azione a sorpresa: attiviste si sono incatenate allo stand di Alitalia-AirFrance-KLM-Delta all’interno del BIT (Borsa Internazionale del Turismo), alla Fiera di Rho.

> GUARDA l’album fotografico

BOLOGNA | 8 Dicembre 2012
Azione dimostrativa per la Giornata Internazionale per i Diritti Animali

Il 10 dicembre ricorre la Giornata Internazionale per i Diritti Animali, nello stesso giorno in cui, 64 anni prima, venne stilata a Parigi la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, un documento storico molto importante che sancì i diritti individuali, civili, politici, economici, sociali e culturali di ogni persona.
Ecco perchè a Bologna, in occasione di questa mobilitazione internazionale, abbiamo organizzato una performance di forte impatto emotivo, per scuotere una società che sembra in guerra con gli animali.
Alcuni attivisti hanno rappresentato il cosiddetto ‘pescato’, che in gergo è la quantità di pesce appunto pescata, rimandendo sollevati da terra di alcuni metri, intrappolati nelle stesse reti che condannano gli animali marini.

> GUARDA l’album fotografico

MILANO – 8 Dicembre 2012
Giornata Mondiale per i Diritti Animali – Azione lampo nel centro di Milano

In occasione della giornata Mondiale per i Diritti Animali abbiamo messo
in atto un’isolita azione dimostrativa nelle vie del centro di Milano.

Una ventina di persone sono cadute improvvisamente a terra una dopo l’altra nel mezzo di un affollatissimo Corso Vittorio Emanuele, per attirare l’attenzione sulla strage silenziosa che quotidianamente miete milioni di vittime animali, che muoiono invisibili e inascoltate. Nello stesso momento venivano mostrati cartelli e distribuiti volantini per spiegare il senso della protesta e per informare e sensibilizzare i passanti sulla realtà dello sfruttamento, della schiavitù e della sofferenza animali.

> GUARDA l’album fotografico

MONTIRONE (BS) | 22 SETTEMBRE 2012
Corteo per la chiusura dell’allevamento di visoni

Oltre 200 persone si sono trovate nel centro di Montirone per esprimere il proprio dissenso nei confronti dell’allevamento di visoni che la famiglia bellina ha aperto nel paese e pretenderne la chiusura.
Molti gli abitanti del paese che si sono uniti a noi durante il corteo per chiedere la chiusura di questo allevamento.

> GUARDA l’album fotografico

MILANO | 22 GIUGNO 2012
Azione di presentazione investigazione “Fabbriche di carne”

In una delle piazze principali del centro di Milano, una donna incinta al settimo mese chiusa in una gabbia strettissima, incapace di girarsi, ha inscenato per sole due ore quale sia per lunghi anni la vita di una scrofa prigioniera in un allevamento.
Abbiamo portato in piazza le immagini e il video raccontati in “Fabbriche di carne”, un lavoro di documentazione durato nove mesi che ci ha portati all’interno di più di 50 allevamenti in Italia.

> GUARDA l’album fotografico

MILANO | 26 MAGGIO 2012
“Torture attorno a noi” protesta scenografica contro la vivisezione.

Per la presentazione del dossier “Vivisezione nei laboratori di Milano” diverse decine di attivisti con foto prese dai luoghi di tortura hanno fatto da cornice ad altri che inscenavano alcuni degli esperimenti condotti abitualmente nei laboratori di tutto il mondo, e ad altri ancora che mostravano la desolante fine che attende ogni individuo che
si trova a subire sperimentazione contro la sua volontà. Abbiamo avuto modo di parlare con molti dei passanti colpiti dalla protesta che hanno voluto maggiori informazioni su ciò che accade agli animali nella nostra società.

> GUARDA l’album fotografico

BOLOGNA | 27 aprile 2012
Azione dimostrativa per la Settimana Mondiale per gli Animali da Laboratorio

Una decina di sagome di ‘topi giganti’ hanno invaso simbolicamente piazza di Porta San Donato, dove ha sede il Dipartimento di Fisiologia dell’università con i suoi stabulari in cui sono rinchiusi roditori e scimmie, e piazza di Porta Ravegnana, luogo di notevole passaggio sotto le due torri della città.
 Abbiamo volutamente autocostruito dei topi perchè sono la specie più utilizzata nella ricerca scientifica, ma anche loro provano emozioni e vorrebbero poter vivere liberi. Al pari di tutti gli animali dentro i laboratori sono imprigionati e continuamente sottoposti a esperimenti, in luoghi che sono a volte proprio accanto a noi.

> GUARDA l’album fotografico

BOLOGNA | 24 Marzo 2012

FABBRICHE DI UOVA – Azione dimostrativa

L’investigazione sugli allevamenti intensivi delle galline ha portato alla luce le condizioni di vita, al limite della sopravvivenza, in cui sono costretti questi animali.
 Sabato 24 marzo siamo stati a Bologna, in piazza di Porta Ravegnana, sotto le due Torri, per diffondere pubblicamente l’investigazione e per effettuare un’azione dimostrativa, semplice ma efficace nel far riflettere le persone sullo sfruttamento di questi e di tutti gli animali.

> GUARDA l’album fotografico

MILANO | 26 FEBBRAIO 2012
Salto sulle passerelle di Milano Moda

Durante la settimana della moda di Milano due attiviste hanno interrotto una sfilata saltando sulla passerella con cartelli contro lo sfruttamento e l’uccisione di animali in nome della moda.

> GUARDA l’album fotografico

IL VIDEO

MILANO | 25 FEBBRAIO 2012
Protesta shock davanti alla sfilata di Armani

Per la settimana della moda più importante del mondo abbiamo portato davanti alla sfilata di Giorgio Armani alcuni cadaveri di coniglio, definiti nei nostri cartelli le “vittime della moda di Armani”. L’azione è stata organizzata contro lo sfruttamento e l’uccisione di animali in nome della moda.

> GUARDA l’album fotografico

VARESE – MILANO | 7 – 14 Gennaio 2012
In piazza la verità sulla ditta Bruzzese e gli allevamenti di galline

Nelle due giornate di sabato 7 e 14 gennaio, rispettivamente a Varese e Milano, circa 40 attivisti hanno dato vita a un momento informativo di forte impatto.
Sono state portate in piazza le immagini scattate all’interno dell’allevamento Bruzzese di Olgiate Olona, in modo che tutti potessero vedere con i loro occhi quello che si nasconde dietro la ditta Bruzzese e dentro ogni allevamento di galline ovaiole.
Una gabbia con 9 attivisti e lo striscione “Immagina se questa fosse la tua vita” hanno catturato l’attenzione e la curiosità.

> GUARDA l’album fotografico

BOLOGNA | Dicembre 2011

In strada contro gli inserti di pelliccia

Una presenza simultanea di fronte a tutti i negozi del centro di Bologna che vendono indumenti bordati o realizzati con vero pelo animale.

> GUARDA l’album fotografico

IL VIDEO

MILANO | 23 OTTOBRE 2011
Vittime dell’indifferenza umana

Abbiamo mostrato ai passanti quello che comunemente si vuole ignorare, portando in piazza 11 corpi di animali che non sono sopravvissuti alle condizioni degli allevamenti intensivi e mostrando chi sono gli animali che ogni giorno finiscono sulle tavole dei consumatori in ogni parte del mondo. La gallina, i quattro maiali e i sei conigli tenuti in mano dagli attivisti che hanno partecipato, sono solo alcuni dei molti animali che abbiamo trovato morti negli
allevamenti intensivi della Lombardia.

> GUARDA l’album fotografico

IL VIDEO

BOLOGNA | 1 ottobre 2011

Azione dimostrativa per la scelta vegan

Dal produttore al consumatore” abbiamo chiamato questa azione dimostrativa per la diffusione della scelta vegan. Abbiamo portato in una piazza centrale della città i corpi senza vita di alcuni animali, esposti nel cellophan e su uno scaffale. Un modo per aprire una discussione e mostrare le contraddizioni della scelta di mangiare carne. Gli animali sono stati trovati e documentati all’interno di allevamenti intensivi dell’Emilia Romagna nel corso delle nostre investigazioni.

> GUARDA l’album fotografico

IL VIDEO