Alimentazione vegan

alimentazione vegan per salvare gli animali

Il significato della parola vegan da un punto di vista alimentare equivale a quella ricchezza vitale che è la necessità umana di nutrire il proprio corpo con cibi di origine vegetale e che non include l’utilizzo delle carni di animali di terra, di acqua, di cielo e nemmeno dei loro sottoprodotti,
 latte, uova, miele.

Se è possibile intuire i motivi per i quali queste persone non si nutrono di
 animali, ossia la loro ingiustificata uccisione, non è altrettanto scontato
 comprendere il perchè la scelta vegan rifiuta di  servirsi anche dei loro
 sottoprodotti.
Il fatto è che si ritiene profondamente sbagliato sottomettere gli animali e sfruttarli per fini di mercato o di semplice appetito, cosa che inoltre ad avere conseguenze crudeli non è neppure necessaria al sostentamento del nostro organismo.

Solitamente quando entriamo al supermercato e tra gli scaffali troviamo esposti prodotti come formaggi, latte e uova, il loro acquisto è sempre molto facile ma non è altrettanto facile avere coscienza del dolore e del patimento che milioni di animali devono subire perchè ogni giorno queste merci possano essere a disposizione delle grandi masse.

Gli alimenti

Il cibo che riempie la dispensa vegan è il cibo della non violenza, è il cibo del sole, dell’acqua, dei minerali, delle vitamine, dei bio-frutti della terra, è il cibo che rispetta la vita e desidera per tutti un presente migliore, per gli umani e i non umani.
Sostanzialmente l’alimentazione vegan è incentrata sull’assunzione di svariate tipologie di legumi, verdura, ortaggi, frutta secca ed essiccata, semi oleosi, frutta e una vastissima varietà di prodotti lavorati derivati da questi: seitan, tofu, tempeh, soia da idratare, formaggi e mozzarelle vegan una ampia scelta di bevande vegetali, soia, riso, avena, orzo, kamut, grano, mandorla, nocciola (anche aromatizzati al gusto di cacao, vaniglia, ecc), wurstel vegetali, affettati e polpette vegetali…
Sostituire carne, pesce e sottoprodotti con i vari tipi di vegetali sopra elencati non è difficile, non bisogna rinunciare al sapore dei cibi (anzi) e basterà seguire pochissime regole nutrizionali applicabili a tutte le persone, di ogni età e per ogni attività, agonismo sportivo compreso.
Il passaggio a questo tipo di alimentazione non è uguale per tutti, vi sono alcuni che sostenuti da forti motivazioni etiche-ecologiche non hanno nessuna difficoltà ad abbandonare da subito l’alimentazione onnivora per quella vegan, altri invece cominciano con un giorno vegan la settimana, poi due, tre e così via…

Proprietà nutritive dei vegetali

Per comprendere meglio le proprietà nutritive dei cibi, quanto e come assumerli, proponiamo dei piccoli approfondimenti in base alle loro classi di appartenenza, in linea generale basterà limitarsi a mangiare quello che più piace cercando di variare quotidianamente la scelta del cibo.  Non occorre preoccuparsi troppo degli elementi necessari per un bilanciato apporto nutritivo, negli alimenti vegetali è presente in maniera abbondante tutto ciò che occorre, limitarsi quindi in modo spensierato a mangiare quello che più delizia, diversificando le pietanze, mangiando con soddisfazione, gusto, serenità, è la prima norma da sapere per una corretta alimentazione vegan.

CEREALI

Sono il chicco di vari vegetali (avena. farro, orzo, kamut, quinoa, frumento,riso…) da cui si ricava tramite lavorazione, farina, pasta, pane. Sono alimenti ricchi di proteine e ricchissimi di carboidrati, vitamine e minerali
LEGGI ANCORA

LEGUMI

I legumi sono i semi delle leguminose e in generale contengono le sostanze nutritive della carne, del pesce, delle uova e del latte. Pari a questi sono un ottima fonte proteica ma al loro contrario non sono ricchi di grassi saturi, colesterolo, calorie e fattori inquinanti…
LEGGI ANCORA

VERDURE E ORTAGGI

Le verdure sono svariate piante spontanee e coltivate, sopratutto quelle verde scuro rappresentano una ricchissima fonte di fibre, vitamine (A, C, E, K), sostanze fitochimiche, minerali (potassio, calcio, ferro e magnesio), acido folico e riboflavina…
LEGGI ANCORA

FRUTTA SECCA E SEMI OLEAGINOSI

Sono il frutto in guscio di svariate piante e rappresentano un importantissima fonte nutrizionale. Questi gustosi cibi sono particolarmente ricchi di proteine, minerali (ferro, calcio, zinco, selenio e magnesio), aminoacidi, acidi grassi essenziali, sostanze fitochimiche
LEGGI ANCORA

FRUTTA

Il consumo di questi alimenti viene sempre più incoraggiato da tutte le linee guida alimentari ed in particolare dalle linee guida nutrizionali americane. Sono cibi ricchi di vitamina C, fibra, beta-carotene, acido folico, sostanze fitochimiche, minerali e antiossidanti.
LEGGI ANCORA

CIBI TRASFORMATI

Seitan alimento a base di glutine con alto contenuto proteico, proviene dalla lavorazione del grano, ha un apporto proteico elevato e contiene pochi grassi Tofu tipico prodotto orientale, preparato cagliando il latte di soya con sali o sostanze vegetali, è altamente proteico, contiene la stessa quantità di proteine che si trovano nelle uova e carne.
Tempeh è un alimento ancor più proteico, viene ottenuto dalla fermentazione dei fagioli di soia con altri cereali è ricco di fibre e vitamine.
Soia deidratata prodotto iperproteico a base di soia disidratata.
LEGGI ANCORA

scegliere vegan salva gli animaliEpilogo

La dieta vegan oltre a conservare tutte le sostanze energetiche, tonificanti,  fortificanti, nutritive, oltre a prevenire tutte le malattie degenerative e  impedire molte patologie allergiche, è una dieta che favorisce la totale funzionalità della nostra struttura fisica interna.

Una dieta equilibrata basata di  esclusivi cibi vegetali, è generalmente un ottima collaboratrice del lavoro che deve quotidianamente svolgere il nostro apparato filtrante e digestivo, un sistema che deve essere sempre pronto e in perfetta funzione, che deve essere privo di affaticamento e stress solitamente riconosciuto al cibo di origine animale ed a quello industrializzato.
L’assenza di prodotti difficilmente digeribili come la carne, il pesce, il latte e le uova permettono una normale basicità del sangue favorendo di conseguenza fluidità e funzionalità al nostro meccanismo propulsore e deduttivo. Ne deriva una più ottimale prestanza fisica e una più logica vigoria cerebrale non a caso le popolazioni riconosciute dalla scienza come le più longeve, miti, inclini alla socializzazione e renitenti le malattie sono state e sono popolazioni vegetariane.

Variare il cibo all’interno del mondo vegetale, consumandolo non solo cotto ma anche crudo, è quell’azione che apporta innumerevoli benefici e contribuisce alla prevenzione delle pricipali malattie degenerative.